EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Procura Milano, aumentano cybercrime e 'prezzi' dei riscatti

Bilancio pm anche su tutela rider, usura e traffico opere d'arte
Bilancio pm anche su tutela rider, usura e traffico opere d'arte
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 29 NOV - Un "fenomeno" peculiare "e dalla portata internazionale" riguarda "gli attacchi di cybercrime, che si sostanziano in veri e propri reati di estorsione tramite mezzi informatici" nei confronti di aziende e multinazionali. Tra la "prima e la seconda metà del 2020, il riscatto medio richiesto dalle organizzazioni di cybercrime è aumentato di quasi il 50%". Lo si legge nel Bilancio di responsabilità sociale della Procura milanese nel quale, oltre ai casi di cybercrime e hackering, si mettono in evidenza anche "le nuove forme di schiavitù", ossia il "caso dei rider e del settore food delivery", il contrasto all'usura e pure l'aumento del "traffico di opere d'arte". Il 2020, anno della pandemia Covid, viene chiarito, "si è contraddistinto per un significativo aumento dei reati informatici" e secondo la Polizia postale "i cyber-attacchi sono cresciuti del 246% nel 2020 in Italia". In una "prospettiva futura", si legge, "è indubbio che il mondo delle imprese debba impegnarsi ad investire di più e con più regolarità nella cyber-sicurezza dei propri sistemi informatici". Ed emerge anche "la parziale inadeguatezza degli strumenti di indagine attualmente a disposizione della Procura per combattere questi nemici transnazionali". Nel bilancio si ricordano anche le inchieste a tutela dei rider che hanno portato, tra l'altro, all'obbligo dal punto di vista amministrativo per le società di delivery "di inquadrare gli oltre 60mila rider, originariamente qualificati quali collaboratori occasionali" come lavoratori para-subordinati con le conseguenti garanzia. Con "l'emergenza sociale derivante dalla crisi sanitaria", poi, spiega la Procura, sono aumentati anche i "reati di usura". Infine, un "settore nel quale la Procura ha investito molto è quello del monitoraggio del traffico di opere d'arte", spesso collegato a "reati fiscali e di riciclaggio". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna riconosce lo Stato di Palestina, le reazioni a Madrid

Arrestato in Italia il boss della mafia turca Baris Boyun accusato di terrorismo

Elezioni europee: come si svolgerà il dibattito in Eurovisione tra i candidati principali