Sudan, accordo per reinsediare il deposto premier Hamdok

frame
frame Diritti d'autore frame
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Intesa raggiunta tra i militari golpisti e i leader politici, sotto la spinta di Usa e ONU

PUBBLICITÀ

Tornerà quanto prima al suo posto in Sudan il primo ministro Abdallah Hamdok, deposto il mese scorso da un colpo di stato militare.

Tra i leader militari e civili è stato raggiunto un accordo che oltre alla reintegrazione del capo del governo prevede il rilascio dei funzionari e degli esponenti governativi agli arresti dal 25 ottobre.

"Cruciali" per arrivare all'intesa sono state le pressioni dell'ONU e degli Stati Uniti, ma anche le manifestazioni popolari contro il golpe che si sono susseguite per settimane registrando 40 morti, in gran parte causati dalle forze di polizia.

Il colpo di stato è arrivato due anni dopo che il sollevamento della popolazione aveva portato alla deposizione del controverso presidente Omar al-Bashir.

Dopo la presa del potere i militari hanno insediato un nuovo Consiglio sovrano da loro nominato, e presieduto dall'ispiratore del pronunciamento, il generale Abdel Fattah Burhan.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pam, "Il Sudan rischia la più grande crisi di fame al mondo": in pericolo 25 milioni di persone

Il Sudan "sull'orlo della guerra civile". Preoccupa la violenza interetnica

I fedeli musulmani si riuniscono a Khartoum per pregare per la pace il primo giorno di Eid al-Adha