La battaglia continua contro il virus che rialza la testa, la situazione in Europa

La battaglia continua contro il virus che rialza la testa, la situazione in Europa
Diritti d'autore Martin Meissner/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Russia, Francia, Portogallo e Slovenia alle prese con le ondate di infezioni che l'alto tasso di vaccinazione - per lo meno in Francia e Portogallo - non riesce ancora a domare, data anche la pervasività dell'infezione

PUBBLICITÀ

La Russia marca un nuovo record giornaliero di decessi da COVID-19 visto che il numero totale di infezioni nel paese ha superato i nove milioni di individui.

L'ondata di decessi e infezioni quotidiane iniziata a metà settembre sembrava stabilizzarsi nell'ultima settimana, ma la task force nazionale sul coronavirus ammette il record di 1.247 persone che sono morte a causa della pandemia nelle ultime 24 ore.

Alta diffusione del vaccino non ancora sufficiente

Sebbene alcuni paesi diano l'impressione di essere tornati alla normalità la battaglia non è finita. La Francia ammette di essere in preda alla quinta ondata con 20.000 nuovi casi registrati, il 60% in più rispetto a una settimana fa. L'invito alla vaccinazione da parte delle autorità è senza sosta. "Gli appuntamenti per la prima vaccinazione sono aumentati del 20%, il che è significativo e ovviamente è un elemento estremamente importante, poiché sappiamo che ci sono ancora diversi milioni di francesi che non sono al riparo dal virus": ha dichiarato Gabriel Attal, portavoce del governo di Parigi.

Portogallo ne ciclone

Nonostante l'alto tasso di vaccinazione del Portogallo (pari all'86%) i ricoveri ospedalieri sono in aumento e gli esperti sanitari affermano che non c'è tempo da perdere per fermare la diffusione del coronavirus prima dell'inverno e delle festività natalizie. Il governo ha anticipato la riunione del comitato sanitario nazionale per far fronte alla situazione. Scendono in campo anche i rappresentanti de medici come Gustavo Tato Borges che sottolinea l'importanza dell'uso della mascherina negli spazi chiusi. " Questo è fondamentale - dice Borges -. Dovrebbero esserci anche restrizioni in base agli spazi chiusi, in base alla alla situazione dello spazio che si occupa. Inoltre, i test rapidi dovrebbero essere di nuovo gratuiti nelle farmacie".

In Slovenia l'autotest degli scolari

In Slovenia si insegnano ai più giovani i gesti che servono e lo si fa come un gioco: l'autotest obbligatorio degli scolari che non sono stati vaccinati è ora richiesto tre volte a settimana, lo si considera una misura urgente per mantenere le scuole aperte in mezzo all'ondata di infezioni.

Austria, nuovo blocco generale

Nuovo blocco generale negli Stati dell'Alta Austria e di Salisburgo a far data da lunedì prossimo.

A causa dell'andamento della pandemia, il provvedimento varrà per tutta la popolazione e non solo per i non vaccinati.

Gli Stati confinanti con la Baviera hanno il più alto tasso di nuove infezioni, avendo raggiunto il massimo storico di 15.145.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Col freddo anche il coronavirus incalza, l'incremento dei vaccini in tutta Europa

Coronavirus, record di decessi nel Regno Unito e in Russia

Svizzera, impennata di contagi