This content is not available in your region

Betlemme, la Basilica della Natività risplende dopo 8 anni di restauro

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Betlemme, Chiesa della Natività
Betlemme, Chiesa della Natività   -   Diritti d'autore  EMMANUEL DUNAND/AFP or licensors

È sopravvissuta alla forza devastatrice dei diversi terremoti che nei secoli hanno colpito Betlemme.
È rimasta in piedi nonostante il saccheggio dell'esercito di Solimano nel 16esimo secolo e, più di recente, nel 2002, gli scontri tra soldati israeliani e 240 palestinesi che cercavano rifugio al suo interno. Ma l'acqua e gli agenti atmosferici hanno prodotto un danno costante alla Basilica della Natività: un deterioramento sanato in 8 anni di restauro.

La maggior parte dei lavori di ristrutturazione è stata supervisionata dal Comitato presidenziale palestinese per il restauro della Chiesa della Natività.

Ziad al-Bandak, presidente del Comitato, spiega la natura dell'aggressione a uno dei simboli della cristianità: "C'erano continui problemi derivanti dall'acqua piovana che scorreva lungo le pareti della chiesa. Colpiva la struttura, colpiva i mosaici, gli affreschi, i pavimenti. C'è stato molto lavoro realizzato per far fronte ai fattori atmosferici. E poi c'era anche il fumo, che sale dalle candele".

Lo sguardo dell'Unesco sulla Basilica della Natività

La Basilica, che viene considerata da molti come il luogo di nascita di Gesù, era stata inserita nel 2012 nella lista dell'Unesco dei siti del patrimonio mondiale in pericolo: un monito caduto nel 2019, in pieno intervento di restauro.

I lavori sono costati finora circa 15 milioni di dollari e un altro milione e 600mila dollari sono necessari per completare il progetto, con ristrutturazioni da realizzare lungo il muro meridionale della chiesa e sui mosaici.

A finanziare l'opera soprattutto le donazioni delle tre comunità cristiane che gestiscono la Basilica (ortodossa, cattolica e armena), su iniziativa dell’Autorità Nazionale palestinese.