This content is not available in your region

Giornalisti: minacce a Berizzi, chiuse indagini per 13 persone

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Cronista sotto scorta per inchieste su mondo estrema destra
Cronista sotto scorta per inchieste su mondo estrema destra

(ANSA) – BERGAMO, 10 NOV – Dopo quasi tre anni, la procura di
Bergamo ha notificato al chiusura dell’indagine a 13 persone
accusate di minaccia aggravata e diffamazione per aver
minacciato, anche di morte, il giornalista bergamasco di
Repubblica Paolo Berizzi. Le indagini di carabinieri e polizia postale di Bergamo,
coordinate dal pm Emanuele Marchisio, hanno portato a
identificare in mezza Italia – dalla Lombardia al Veneto, dal
Piemonte alla Toscana e fino al Lazio – i server da cui sono
partite le aggressioni telematiche al giornalista, spesso da
profili anonimi e quindi di non immediata identificazione. I rapporti degli indagati con gruppi della galassia
neofascista sono poi emersi già con le perquisizioni nelle
abitazioni degli indagati, nel 2020. Oltre a pc, telefonini,
memorie usb, le forze dell’ordine hanno sequestrato anche
volantini di associazioni nazifasciste, bandiere con croci
celtiche e svastiche, persino un’ascia. Documentati anche
rapporti con ultrà di estrema destra delle curve e tifoserie
calcistiche. Per i tredici indagati – c‘è anche un insospettabile
imprenditore noto negli ambienti di Inter e Milan – si avvicina
così il processo: il pm chiederà per tutti la citazione diretta
a giudizio. Da anni Paolo Berizzi, difeso dall’avvocato Fabio Pinelli, è
oggetto di minacce e atti intimidatori per il suo lavoro
d’inchiesta sul mondo dell’estremismo di destra. Ben sedici i
procedimenti aperti in diverse procure, sempre per minacce e
atti intimidatori nei suoi confronti, dal 2017 a oggi. Dal 2019
il giornalista è sotto scorta, ed è l’unico cronista europeo
attualmente sotto protezione per minacce neofasciste e
neonaziste. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.