EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Green Pass: 15mila firme in poche ore per 'Appello Trieste'

Petizione sostegno città dopo proteste,firmano Illy e Salvatores
Petizione sostegno città dopo proteste,firmano Illy e Salvatores
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 01 NOV - Oltre 15 mila firme hanno sottoscritto in poche ore la petizione "Appello a Trieste" a sostegno di una immagine della città non più capitale dei no vax e dei no Green pass, come è sembrata nei giorni delle proteste, bensì "capitale italiana della scienza" e che "della scienza si fida". Una iniziativa lanciata ieri mattina dal professore universitario e avvocato Mitja Gialuz e dall'avvocato e presidente della Fondazione CRTrieste Tiziana Benussi. La petizione ha subito raccolto numerose adesioni via mail e whatsapp, poi sulla piattaforma Change.org è stata sottoscritta in breve tempo da migliaia di persone, fino a superare, in serata, le 15 mila adesioni. L'iniziativa, è stato sottolineato, non è politica ma mira a far sentire la voce della "comunità di persone razionali, responsabili e consapevoli, che possono uscire dalla tempesta soltanto tutte assieme, ciascuna con un'assunzione di responsabilità verso le altre". Tra i nomi che hanno firmato, come riporta questa mattina il quotidiano Il Piccolo, ci sono luminare della cardiochirurgia Gianfranco Sinagra, Riccardo Illy, il presidente del Porto Zeno D'Agostino, il rettore dell'Università Roberto Di Lenarda, e poi Gabriele Salvatores, Lino Guanciale, Diego Abatantuono, Ariella Reggio, esponenti del mondo economico cittadino, manager. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: tensione tra Israele e Hezbollah, Cuba si unisce alla causa del Sudafrica

Enrico Letta potrebbe essere l'asso nella manica di Macron nel gioco dei vertici dell'Ue contro l'estrema destra

Svizzera: in carcere per sfruttamento i membri della famiglia miliardaria Hinduja