Green pass: alla Saras tamponi a 8 euro per chi è sprovvisto

Tutto è filato liscio nella raffineria con 1300 dipendenti
Tutto è filato liscio nella raffineria con 1300 dipendenti
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 15 OTT - La verifica del green pass obbligatorio alla Saras - circa milletrecento dipendenti nello stabilimento di Sarroch (Cagliari) - una delle principali aziende in Sardegna per numero di occupati, è iniziata alle 6 del mattino. Quasi tutti i lavoratori si sono presentati con il certificato cartaceo o sul telefonino. Ed è bastato il semaforo verde del programma di controllo, l'applicazione "Verifica C19", per andare tranquillamente al proprio reparto. Per chi, invece, non ha avuto la possibilità o il modo di effettuare vaccino o tampone, l'azienda ha allestito una postazione temporanea autorizzata, vicino al piazzale antistante la Raffineria Sarlux, dove poter effettuare i tamponi in aggiunta ai laboratori autorizzati territoriali. Un vero e proprio hub interno aperto tutti i giorni della settimana negli orari prima dei cambi turno e ingresso giornalieri. Il tampone in azienda ha un costo "calmierato" di otto euro. Ed è un servizio garantito un po' per andare incontro alle esigenze dei lavoratori, un po' per garantire la massima sicurezza. E anche, per assicurare la massima e continua funzionalità degli intoppi. Una giornata-test, ma al di là della sistemazione dell'hub, è stato un normale turno lavorativo identico agli altri. Una strategia anti Covid partita da lontano, dai primi giorni dell'emergenza sanitaria. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: l'Unrwa cessa le attività nel nord della Striscia, rifiutato il piano di Netanyahu

Ucraina: Meloni e von der Leyen a Kiev per il G7, il primo sotto la presidenza dell'Italia

Nuove sanzioni a Mosca dopo la morte di Navalny: colpite aziende cinesi, indiane e turche