EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Migranti: Papa, non chiudiamo le porte alla loro speranza

Invita i fedeli a vedere il monumento dedicato a loro
Invita i fedeli a vedere il monumento dedicato a loro
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Non chiudiamo le porte alla loro speranza": lo ha detto il Papa all'Angelus la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. "E' necessario camminare insieme, senza pregiudizi, senza paure, ponendosi accanto a chi è più vulnerabile, migranti, rifugiati, sfollati, vittime della tratta e abbandonati. Siamo chiamati a costruire un mondo sempre più inclusivo che non escluda nessuno". Il Papa ha poi salutato "quanti nelle varie parti del mondo stanno celebrando questa giornata", i fedeli riuniti a Loreto per l'iniziativa della Cei; "saluto e ringrazio le diverse comunità etniche presenti qui in piazza con le loro bandiere", ha aggiunto rivolgendosi anche ai rappresentanti del progetto 'Apri' di Caritas Italina, a Migrantes della diocesi di Roma e al Centro Astalli. "Grazie a tutti per il vostro impegno generoso". Poi il Papa ha invitato i fedeli in piazza a recarsi presso il monumento, all'interno del colonnato del Bernini, dedicato ai migranti: "Prima di lasciare la piazza vi invito a avvicinarsi a quel monumento là", "la barca con i migranti e a soffermarvi sullo sguardo di quelle persone e cogliere in quello sguardo la speranza che oggi ha ogni migrante di ricominciare a vivere. Andate là, vedete quel monumento. Non chiudiamo le porte alla loro speranza". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Caldo estremo e forti piogge: emergenza in molti Paesi europei

Mar Rosso: attacco degli Houthi contro una portacontainer diretta in Cina

Guerra in Ucraina: sirene a Kiev e Kharkiv, morti e feriti dopo gli attacchi russi