Scomparso nella cascata è salvo, si era rifugiato in grotta

Rimasto per un giorno in un anfratto a fianco colonna d'acqua
Rimasto per un giorno in un anfratto a fianco colonna d'acqua
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BELLUNO, 06 SET - Un uomo scomparso ieri in una cascata lungo il torrente Maè, e che soccorritori avevano dato per morto, si è salvato restando per un giorno all'intero di una grotta, parzialmente allagata, in cui l'aveva spinto l'enorme pressione della colonna d''acqua. Il torrentista, un 43enne zoldano, è stato recuperato nel primo pomeriggio dal Soccorso Alpino e dai vigili del fuoco, e portato in ospedale. Le sue condizioni sarebbe gravi. Stamane le strutture di soccorso avevano dato ufficialmente l'uomo per deceduto, non avendo trovato il corpo agganciato all'imbrago e alle corde recuperate in una pozza inavvicinabile per la forza della corrente (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, legge sugli "agenti stranieri": arresti in piazza e scontri in Parlamento

Le notizie del giorno | 16 aprile - Serale

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni