EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Afghanistan:400 profughi hub Avezzano,in due giorni chiusura

In via completamento trasferimento, 217 ospitati in Abruzzo
In via completamento trasferimento, 217 ospitati in Abruzzo
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AVEZZANO, 02 SET - Sono 400 i profughi afghani che ancora sono ospitati nell'hub di prima accoglienza e smistamento dell'interporto di Avezzano (L'Aquila) gestito dalla Croce Rossa e dalla Protezione civile regionale che nei giorni scorsi ha visto la presenza di circa 1.400 persone, tra uomini, donne e bambini: secondo quanto si è appreso da fonti legate a Cri e Pc, tra domani e dopodomani dovrebbe essere completato lo smistamento e dovrebbe cominciare la operazione di dismissione del campo base. Dei profughi fuggiti precipitosamente e in condizioni molto difficili e pericolosi dall'Afghanistan riconquistato dal regime talebano, 217 sono stati trasferiti in alberghi abruzzesi: oggi la Protezione civile ha collocato gli ultimi 13. Deve invece entrare nel vivo il piano di assegnazione per il medio e lungo termine nelle strutture di accoglienza nelle varie regioni italiane, operazione di competenza del ministero dell'Interno attraverso le prefetture. "E' stata una esperienza emergenziale unica a cui il sistema regionale di protezione civile abruzzese e in particolare il nostro volontariato ha risposto con grande rapidità e la consueta professionalità - spiega il direttore dell'agenzia regionale abruzzese di Protezione civile, Mauro Casinghini. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Repubblica Democratica del Congo, il portavoce dell'esercito: "Sventato un tentativo di golpe"

Iran: nessuna notizia del presidente Raisi dopo incidente all’elicottero su cui viaggiava

Guerra in Ucraina: entrata in vigore la legge sulla mobilitazione, cosa prevede