ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Victoria Fontan (Università americana): "Quanto accade è sponsorizzato, pare di essere in un film"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Sgt. Samuel Ruiz/Public Domain
Dimensioni di testo Aa Aa

In concomitanza con le incessanti evacuazioni di cittadini afghani e stranieri, Euronews ha intervistato Victoria Fontan, cittadina francese rimpatriata sabato scorso da Kabul.

Vice presidente dell'Università americana in Afghanistan, è riuscita a fuggire dal Paese dopo essere stata posta agli arresti domiciliari dai talebani, prima di tornare in Europa.

Per lei, i talebani rappresentano una seria minaccia per la popolazione afghana: contrariamente a quanto affermano, nella sostanza non sono cambiati.

from AFP video
Screengrabfrom AFP video

"Ogni giorno riceviamo notizie di persone giustiziate o scomparse - dice - le connessioni internet a Herat sono state totalmente cancellate dai talebani, non c'è più alcuna possibilità di comunicare con persone con cui potevamo sino a 24 ore prima.

Poco a poco, questa morsa si sta chiudendo e la violenza dei talebani sta venendo fuori: tutte queste chiacchiere secondo cui le persone sul campo non stanno seguendo le direttive politiche di Doha non sono affatto vere.

È un movimento abbastanza strutturato, che ha vinto contro gli americani per la sua disciplina, è ben chiaro che gli abusi che stanno avvenendo sul campo sono sponsorizzati
Victoria Fontan
vice presidente Università americana a Kabul

Dalla Francia, Victoria ora lotta per consentire l'evacuazione di studenti e professori ancora bloccati a Kabul e che temono per la loro vita.

Sino al 31 agosto, sarà una vera e propria corsa contro il tempo, che dovrebbe segnare la fine del periodo di fuga.

"Un'intera élite afgana sa che si sta finendo sotto i talebani - conclude - ho passato tutto il pomeriggio a fare elenchi e mi sento davvero come se fossi in un film, Schindler's List: è straziante fare queste liste e pensare che purtroppo le persone che non ce la faranno sono destinate a una situazione molto difficile nei prossimi mesi".

Mentre decine di migliaia di persone sono già riuscite ad espatriare, molte altre aspettano di lasciare l'Afghanistan il prima possibile per sfuggire ai talebani.

Mi sento davvero come se fossi in un film, Schindler's List: è straziante fare queste liste e pensare che purtroppo le persone che non ce la faranno
Victoria Fontan
vice presidente Università americana a Kabul