ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ucciso piazza: sorella, dov'è giustizia?

Di ANSA
"Non era pericoloso e aveva bisogno di essere aiutato"
"Non era pericoloso e aveva bisogno di essere aiutato"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 22 LUG – Una persona non pericolosa, che
aveva bisogno di essere aiutata, con due figli, uno di otto e
una di cinque anni. E’ questo il modo in cui la sorella, appena
rientrata dalla Francia, ha descritto Youns El Boussettaoui,
l’uomo ucciso ieri a Voghera dall’assessore alla Sicurezza
Massimo Adriatici che si trova ai domiciliari. E proprio del
fatto che non sia in carcere, si è lamentata alla trasmissione
Carta Bianca su Retequattro. “Gli hanno sparato in piazza davanti a tantissime persone.
L’assassino si trova a casa sua, dorme bello riposato. Dove è la
legge in questa Italia? “, “ma siamo in Italia o in una
foresta?” ha detto in lacrime. “Aveva un fucile, aveva una pistola in mano mio fratello?
Rispondetemi! No, mio fratello non aveva nessuna arma in mano. È
stato ammazzato – ha aggiunto – davanti alle persone e questa
persona si trova a casa sua. Io voglio sapere se qua in Italia
ammazzare o sparare è una cosa legale”. Sapeva che Youns dormiva per strada. “Si sente più
tranquillo a dormire sulle panchine. L’altro giorno l’ha visto
mio marito, è venuto a prenderlo” ha raccontato. Comunque la
famiglia ha cercato di aiutarlo: “Abbiamo chiamato i carabinieri
a Livorno Ferraris (in provincia di Vercelli, ndr), possono
testimoniare. L’abbiamo portato all’ospedale ma è scappato
dall’ospedale. I carabinieri di Livorno Ferraris hanno chiamato
i carabinieri di Voghera per poter prendere Youns, non perché fa
male a qualcuno, è per lui, per difendere mio fratello”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.