ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Omicidio del presidente Moïse: sempre più intrigo internazionale

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World - Agenzie internazionali
euronews_icons_loading
Haiti sotto assedio.
Haiti sotto assedio.   -   Diritti d'autore  Matias Delacroix/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Sempre più un intrigo internazionale.

Una parte degli ex militari colombiani arrestati dalla polizia di Haiti era a conoscenza del piano per l'assassinio del presidente haitiano JovenelMoïse, avvenuto lo scorso 7 luglio.

Addestramento "made in Usa"

Arrivano le prime ammissioni da parte del presidente della Colombia, Duque.
E il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti conferma che alcuni dei killer erano stati addestrati in passato dall'esercio americano, mentre erano "membri attivi delle forze armate colombiane".
Un altro degli arrestati aveva lavorato come informatore dell'agenzia antidroga americana.

Fernando Llano/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Controlli in tutta l'isola di Haiti.Fernando Llano/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Il medico e pastore mandante

Nel frattempo, il presunto mandante dell'assassinio, il medico e pastore Christian Emmanuel Sanon, 63 anni, che vive in Florida da 20 anni, rimane in custodia cautelare ad Haiti.

Sanon, da tempo, aveva creato un suo movimento politico con l'obiettivo di diventare il nuovo presidente di Haiti. Anche utilizzando maniere poco ortodosse,

Secondo quanto trapelato da Port au Prince, la capitale dell'isola, il suo obiettivo era organizzare un colpo di stato ad Haiti. Il suo piano era arrestare Moïse e prenderne il posto, non di ucciderlo.

Ma qualcosa è andato storto.

AP Photo
Il dottor Sanon, medico e pastore: sarebbe il mandante dell'omicidio di Moïse.AP Photo

Un colpo di stato finito male

All'inizio di giugno, Sanon è tornato ad Haiti a bordo di un aereo privato, accompagnato da personale di sicurezza, vere e proprie guardia del corpo. E sarebbero stati loro, i colombiani, a guidare l'assalto alla casa di Jovenel Moïse.

i killer del presidente, dopo l'assassinio, avrebbero subito preso contatto telefonico con Sanon. Ma il medico smentisce e dichiara la sua innocenza.

Prime ammissioni dalla Colombia

Da Bogotà, Il presidente colombiano Iván Duque ha riconosciuto la partecipazione di ex soldati colombiani nell'assassinio.

"Tra il gruppo di colombiani che sono stati catturati e alcuni che sono stati uccisi in sparatorie con le autorità haitiane, ci sono persone che, secondo tutto ciò che è venuto alla luce, erano a conoscenza dell'assassinio che stava per essere commesso. Indipendentemente dal livello di conoscenza, ciò che è chiaro è che l'intero gruppo era coinvolto nell'assassinio", ha dichiarato Duque.

AP Photo
Il presidente colombiano Iván Duque parla con la stampa.AP Photo

Intanto, si è scoperto che un consigliere del presidente Duque è cugino di uno dei colombiani catturati ad Haiti. Ma Il consigliere per la sicurezza Rafael Guarín afferma di non conoscerlo e di non aver mai avuto rapporti con lui.

Indaga l'FBI

L'FBI e il Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti stanno partecipando all'indagine insieme all'intelligence haitana e colombiana.
Sono tornati alla residenza presidenziale di Jovenel Moïse, giovedì, e dopo diverse ore se ne sono andati con le prove raccolte all'interno della casa.

Joseph Odelyn/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Agenti dell'FBI fuori dalla casa di Jovenel Moïse a Port-au-Prince.Joseph Odelyn/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

La polizia haitiana sta cercando altri cinque cittadini colombiani che avrebbero fatto parte del commando di killer.

Ferita in varie parti del corpo durante l'attentato, Martine Moïse,la vedova del presidente, è stata trasportata in Florida con un aereo sanitario, in condizioni definite "stabili, ma molto critiche".