Parrocchiano e no vax? prete nega possibilità letture chiesa

A Genova. Don Moretti, un dovere pensare salute dei parrocchiani
A Genova. Don Moretti, un dovere pensare salute dei parrocchiani
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 03 LUG - Sei un parrocchiano convinto no vax? scordati di leggere le letture in chiesa, di cantare nel microfono o di servire messa. "Per carità - ha detto don Massimiliano Moretti, parroco di santa Zita a Genova e cappellano del lavoro - finché lo Stato lo permette ognuno è libero di fare ciò che vuole. Ma nel rispetto della salute di tutti chiedo che fin da adesso coloro che non sono vaccinati evitino di fare i lettori nelle messe o di cantare e pregare usando i microfoni. Ognuno è libero di fare quel che vuole ma la parrocchia ha il dovere di stabilire delle regole per tutelare la salute di tutti". Il messaggio 'pastoral-pandemico' è stato anticipato dal Secolo XIX. Nell'intervista rilasciata al quotidiano genovese, padre Moretti aggiunge: "Se fosse per me tutti dovrebbero vaccinarsi per rispetto degli altri. Il vaccino non è un atto di egoismo ma di altruismo, un modo per salvaguardare la salute di chi ci sta intorno. Detto questo, non posso che rispettare le leggi e non imporre divieti assoluti, ma posso certamente evitare che comportamenti sbagliati di chi non vuole vaccinarsi mettano a rischio gli altri". Iniziativa pubblicamente apprezzata, visto che la decisione è stata pubblicata dal prete sui social. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Orban apre la campagna elettorale di Fidesz: "In Ucraina Bruxelles gioca col fuoco"

Iran-Israele, il conflitto è diretto: il pericolo di missili, raid e arsenali nucleari

New York, uomo si dà fuoco davanti al tribunale del processo a Donald Trump