ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ue-Usa, la pace commerciale sospesa

Access to the comments Commenti
Di Stefan Grobe  & Alberto de Filippis
euronews_icons_loading
Ue-Usa, la pace commerciale sospesa
Diritti d'autore  KENZO TRIBOUILLARD/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Al vertice euroatlantico della scorsa settimana, Bruxelles e Washington hanno annunciato in pompa magna una nuova cooperazione commerciale nell'era Biden.

Entrambe le parti hanno elogiato l'accordo per sospendere i dazi nel dossier Airbus e Boeing. Una mezza vittoria, visto che le due parti hanno semplicemente deciso di sospendere dazi del valore di 10 miliardi di euro sulle merci come il vino europeo o il tabacco degli Stati Uniti per cinque anni - il tempo di trovare una soluzione.

In altre parole, la disputa commerciale è tutt'altro che finita e i gruppi industriali comunitari smaniano per risolvedere definitivamente la faccenda.

Dice Axel Eggert, Direttore Generale Assoacciaio Europeo: "Credo che i due grandi blocchi commerciali debbano continuare a negoziare e trovare soluzioni, perché non possiamo continuare così per il prossimo decennio".

UE e Stati Uniti non hanno compiuto progressi sostanziali nella risoluzione dell'altra controversia tariffaria che puniva gli esportatori di acciaio e alluminio europei.

L'amministrazione Usa ha utilizzato una reliquia legale della Guerra Fredda del 1962 - usata raramente prima che diventasse l'arma preferita di Trump - che ha permesso agli Stati Uniti di imporre dazi per motivi di sicurezza nazionale.

Ma quando verranno revocate davvero queste gabelle?

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione UE, 15 giugno ha detto: "Abbiamo creato uno spazio per trovare una soluzione sospendendo le contromisure dell'UE per sei mesi, questo ci dà spazio per sederci e discutere in modo più dettagliato e trovare una soluzione".

Un accordo entro la fine dell'anno - che ad alcuni esperti suona come un pio desiderio.

Perché il clima politico a Washington non favorisce un esito così positivo prima delle prossime elezioni congressuali del prossimo anno.

Così Jabob Kirkegaard del Fondo Marshall tedesco: "L'acciaio e l'alluminio, ma in particolare l'acciaio, sono un settore che svolge un ruolo politico significativo in un certo numero di distretti oscillanti per la Camera dei Rappresentanti. I Democratici hanno una tenue maggioranza di sei seggi, quindi sostanzialmente stanno facendo catenaccio per proteggere questo vantaggio".

Tuttavia, Biden vuole una soluzione rapida alla questione dazi, poiché la vede come una disputa non necessaria con il suo più stretto alleato.

Invece di rendere le loro vite reciprocamente infelici, gli Stati Uniti e l'Europa dovrebbero dirigere la loro attenzione economica verso la Cina, secondo il pensiero della Casa Bianca.

I cinesi stanno rifornendo i mercati globali di acciaio a basso costo e di bassa qualità.

Ancora Axel Eggert, Direttore Generale Assoacciaio Europeo: "L'UE e gli Stati Uniti sono i due principali blocchi che soffrono di una sovraccapacità siderurgica globale determinata da regimi di aiuti di Stato e schemi di sovvenzioni. Sono loro a soffrire di più. Quindi, con altri partner come il Giappone, il Canada come altri, dobbiamo soluzioni insieme e molto presto".

Gli alleati ora devono dimostrare se fanno sul serio.