Lavoro: protesta a Milano, strage dovuta anche a Jobs Act

Oltre 17 mila morti 2009-2019, più decessi nel 2020 e quest'anno
Oltre 17 mila morti 2009-2019, più decessi nel 2020 e quest'anno
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 18 GIU - Nel decennio 2009-2019 i morti sul lavoro sono stati oltre 17 mila: il calcolo non include il 2020 perché vi possono essere sovrapposizioni con i decessi per coronavirus anno comunque che fa registrare 1.270 persone rimaste uccise (+181 sui 12 mesi precedenti). Nel 2021, rispetto all'analogo periodo dell'anno scorso la crescita degli incidenti mortali è del 9,3%. Tutti i dati sono sottostimati a causa del lavoro nero e di chi muore successivamente all'infortunio, ma non viene registrato in maniera corretta. E' questa la denuncia che è stata fatta, questa mattina davanti la sede di Assolombarda a Milano, durante il presidio di protesta organizzato da il Comitato per la difesa della salute nei luoghi di lavoro e nel territorio, di cui è presidente Michele Michelino, Medicina Democratica, il Comitato ambiente e salute Tetro alla Scala e diverse altre associazioni. Michelino ha sottolineato che "il licenziamento libero causato dal Jobs Act e dalla Legge Fornero sul lavoro contribuisce a non fermare quella che è una strage non solo infinita, ma anche voluta e programmata". "Le leggi sulla sicurezza non vengono applicate perché i dipendenti che lo chiedono vengono licenziati o puniti - afferma -. Quindi non si parli di volontà di ridurre o eliminare gli incidenti. Per farlo bisogna ridare le tutele ai lavoratori e aumentare davvero i controlli. Al contrario Jobs Act e legge Fornero sul lavoro dando mano libera alle imprese impediscono la tutela dei lavoratori e un reale controllo". Inoltre - è stato detto - l'aumento dell'età di lavoro fa crescere per tutte le categorie i rischi di morte e malattie professionali e in alcuni comparti, per esempio la sanità, rischiano anche i pazienti e i cittadini. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ue cerca nuove rotte commerciali dalla Cina: il Corridoio di mezzo attraverserà Caucaso e Turchia

Gaza, il re di Giordania a Israele: "Non si continui la guerra durante il Ramadan"

Parigi: riapre la Torre Eiffel, accordo tra sindacati e direzione