ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nomadi digitali alla scoperta della Serbia

Nomadi digitali alla scoperta della Serbia
Diritti d'autore  Photo by Alizée Baudez on Unsplash
Dimensioni di testo Aa Aa

Amore, libertà, avventura, cultura... i nomadi digitali in Serbia hanno ciascuno le sue ragioni per scegliere questo paese dei Balcani come base per il lavoro a distanza, ma è facile capire come mai in tanti se ne innamorino.

Secondo un recente rapporto della Digital Serbia Initiative e del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), tra le maggiori attrattive ci sono il basso costo della vita, la buona velocità di Internet, l'interessante mondo delle startup e i molti spazi di coworking. Aggiungete una fantastica vita notturna, il cibo e i molti bar e locali, e otterrete una destinazione di lavoro a distanza estremamente attraente, per soggiorni a lungo come a breve termine. Il fatto che la Serbia sia situata fuori della zona Schengen è un ulteriore vantaggio per i non europei sono soggetti all'obbligo del visto.

Abbiamo incontrato tre nomadi digitali che ci hanno raccontato cosa amano di più del lavoro e della vita in Serbia.

Dall'Austria: Johannes Hindler

Johannes Hindler
L'austriaco Johannes è venuto in Serbia per amoreJohannes Hindler

Per l'austriaco Johannes Hindler, è stata una storia d'amore inaspettata che l'ha portato a rivoluzionare la sua vita. "Ho incontrato Milica, una ragazza di Belgrado, durante un fine settimana qui, ci siamo innamorati, sono tornato e alla fine mi sono trasferito", racconta.

"Ho avviato un'agenzia digitale che lavora solo da remoto e i nostri clienti sono in Austria, Regno Unito e Irlanda. Lavorare dove e quando voglio è davvero fantastico. Ho scelto Belgrado per amore, ma è anche un'ottima posizione in quanto resta vicino all'Europa centrale, il costo della vita è molto basso rispetto a Vienna e le persone sono molto accoglienti e simpatiche. Consiglio vivamente di lavorare da Belgrado."

Dalla Germania: Aleksandar Zeba

Aleksandar Zeba
Una delle attrattive di Belgrado per Aleksandar è l'equilibrio tra vita privata e lavoroAleksandar Zeba

Anche Aleksandar Zeba è un grande fan del telelavoro da Belgrado, e per lui l'attrazione è stata conoscere la città stessa. Nomade digitale la cui base è la Germania, ha trascorso del tempo lavorando in tutti i Balcani, scrivendo blog e vendendo prodotti e libri attraverso piattaforme online.

"Volevo trascorrere un po' di tempo a Belgrado perché ha un fascino speciale e una storia particolare. Ci sono posti interessanti come il quartiere di Savamala e la cucina è un sogno per ogni buongustaio. Belgrado è ancora un po' una destinazione da esperti, non è troppo affollata di turisti. Mi piace il ritmo della città e lo stile di vita balcanico. Tutto è un po' più rilassato e non stressante come nell'Europa occidentale."

L'equilibrio tra lavoro e vita privata è molto importante per Aleksandar, che dice che i posti più belli di Belgrado lo hanno aiutato a trovarlo: "Se volete combinare il lavoro con il tempo libero amerete Belgrado. È così che mi sono sentito io. La città si trova alla confluenza dei fiumi Sava e Danubio e ha molti spazi verdi e parchi, come il Kalemegdan. Mi ha aiutato molto quando passavo troppe ore dietro il computer."

Aggiunge che Belgrado presenta un vantaggio rispetto ad altri popolari luoghi di lavoro a distanza: "Se siete stufi dei luoghi da nomadi sovraffollati come Bali o Bangkok, è qui che bisogna andare. È anche qualcosa un po' la capitale europea segreta delle feste! i prezzi sono molto più bassi rispetto a città come Roma, Parigi o Berlino, il che la rende accessibile anche ai nomadi digitali con mezzi limitati".

Se per la maggior parte dei nomadi digitali in Serbia a rendere Belgrado la scelta ovvia è proprio l'energia e al tempo stesso la comodità della grande città, per altri parte della bellezza del lavoro a distanza è la possibilità di lasciarsi alle spalle la vita urbana.

Dal Venezuela: Hecgli Alvarez

Hecgli Alvarez
Per Hecgli l'aspetto più bello di vivere in Serbia è il contatto con la naturaHecgli Alvarez

Hecgli Alvarez viene da Caracas, in Venezuela, e vive in Serbia dal 2014. Voleva dare una svolta alla sua vita nella capitale e recentemente ha trovato quello che cercava a Vrmdza, un villaggio a poche ore di macchina a sud di Belgrado.

"Una storia d'amore con un serbo mi ha portata qui, poi il mio cuore è stato completamente rapito da questo bellissimo paese e dalla popolazione amichevoli", dice.

Nel descrivere il suo nuovo stile di vita rurale Hegcli appare assolutamente felice: "A Vrmdza non c'è routine quotidiana, a parte il mio sacro tè mattutino", dice.

Il resto della giornata consiste nel "fare un po' di respirazione, contemplazione e yoga, per poi mettermi al lavoro. Quello che preferisco sono le passeggiate serali".

Dice che il contatto con la natura è uno degli aspetti migliori del vivere a Vrmdza. "Mi sento più sana, ho acqua pulita, raccolgo prodotti biologici e mangio cibo serbo fatto a mano. I miei vicini sono fantastici e mi sento sempre al sicuro. Se state cercando la migliore via di fuga dalle città popolate, questa è una buona opzione per chiunque abbia uno spirito avventuroso."

Hecgli sostiene che essere un nomade digitale è tutta una questione di libertà: “Quando sei un nomade digitale segui il tuo ritmo. Prima ero una nottambula, poi sono cambiata e ora mi alzo presto per lavorare - alle 8 del mattino il mio tè e il mio laptop sono pronti, e lo sono anch'io. Se c'è una parola che mi definisce è libertà, e viaggiare ti permette di volare libero come un uccello, ovunque tu voglia andare".