ULTIM'ORA
This content is not available in your region

EURO2020: tutto quello che c'è da sapere sul campionato "ritardatario"

La Coppa esposta per i visitatori durante il tour ufficiale di EURO 2020 a San Pietroburgo, Russia, sabato 22 maggio 20211
La Coppa esposta per i visitatori durante il tour ufficiale di EURO 2020 a San Pietroburgo, Russia, sabato 22 maggio 20211   -   Diritti d'autore  Dmitri lovetsky/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Anche prima della pandemia COVID-19, i campionati di calcio EURO 2020 si annunciavano senza precedenti.

Per celebrare il 60° anniversario della prima Coppa delle Nazioni Europee del 1960, l'allora presidente della UEFA Michel Platini voleva che quella del 2020 fosse un'edizione "romantica".

Invece di uno o due paesi ospitanti, il torneo sarebbe stato giocato in 12 città europee nei mesi di giugno e luglio.

Ma poi è arrivato il COVID-19 e il torneo è stato rinviato di un anno. Tuttavia, la competizione manterrà il 2020 nel nome.

Quali paesi partecipano a EURO 2020?

Ventiquattro nazioni parteciperanno, compreso il Portogallo, vincitore dell'ultimo campionato del 2016, e la Francia, che due anni prima aveva portato a casa la Coppa del Mondo.

Due squadre sono inoltre al debutto in un grande torneo di calcio: Finlandia e Macedonia del Nord.

Degli undici paesi che ospitano le partite, sette - Danimarca, Inghilterra, Germania, Italia, Paesi Bassi, Russia e Spagna - si sono qualificati per il torneo.

Altri due - Ungheria e Scozia - ci sono arrivati attraverso gli spareggi, mentre Romania e Azerbaijan hanno perso.

I greci, vincitori di EURO 2004, sono gli unici campioni precedenti che non parteciperanno al torneo di quest'estate.

I gironi

  • Gruppo A - Turchia, Italia, Galles, Svizzera
  • Gruppo B - Danimarca, Finlandia, Belgio, Russia
  • Gruppo C - Paesi Bassi, Ucraina, Austria, Macedonia del Nord
  • Gruppo D - Inghilterra, Croazia, Scozia, Repubblica Ceca
  • Gruppo E - Spagna, Svezia, Polonia, Slovacchia
  • Gruppo F - Ungheria, Portogallo, Francia, Germania

Come funziona il torneo EURO 2020?

Nella fase iniziale a gironi, le quattro squadre giocano tra loro.

I vincitori e i secondi classificati di ogni gruppo, così come le quattro migliori squadre al terzo posto, passeranno agli ottavi di finale.

Questa è la fase ad eliminazione diretta. Il vincitore avanza verso i quarti di finale, ai quali seguono le semifinali prima della finale dell'11 luglio.

A differenza della Coppa del Mondo, agli Europei non si gioca uno spareggio per il terzo posto dall'edizione 1984, che vide le due perdenti delle semifinali disputarsi una partita.

Le favorite di EURO 2020

La Francia, vincitrice della Coppa del Mondo, si ritiene possa vincere il suo secondo torneo importante consecutivo ed entra come favorita a 9/2, secondo Oddschecker.

Dietro di loro ci sono l'Inghilterra (5/1), che non ha raggiunto una finale importante dal 1966, e il Belgio (6/1), che attualmente è in cima alla classifica mondiale FIFA.

La Germania, vincitrice della Coppa del Mondo 2014, è anche ben quotata a 7/1. I vincitori di EURO 2012, la Spagna, sono a 15/2, mentre i detentori del Portogallo sono quotati 8/1 per mantenere il loro titolo.

La classifica delle favorite (Oddschecker, 03/06/21, 20:00 CEST):

  • Francia 9/2 (favoriti)
  • Inghilterra 5/1
  • Belgio 6/1
  • Germania 7/1
  • Spagna 15/2
  • Portogallo 8/1
  • Italia 11/1
  • Paesi Bassi 12/1

Quanto guadagnano le squadre partecipando a EURO 2020?

Ognuna delle 24 squadre riceverà una quota di partecipazione di 9,25 milioni di euro, mentre il vincitore della finale - e del Trofeo Henri Delaunay - può guadagnare un massimo di 34 milioni di euro.

Ci sono nuove regole introdotte per EURO 2020?

Un cambiamento notevole rispetto ai precedenti campionati europei è la dimensione delle squadre ammesse quest'estate.

Il 4 maggio, il Comitato Esecutivo UEFA ha confermato che le nazioni possono espandere le loro squadre da 23 a 26 giocatori. Le squadre saranno anche autorizzate a fare cinque sostituzioni nelle partite a eliminazione diretta che vanno ai tempi supplementari

  • Covid

Ci sono naturalmente delle regole nel caso in cui le squadre registrino casi positivi di coronavirus.

Se un gruppo di giocatori di una nazione viene consigliato di auto-isolarsi dai funzionari sanitari locali, le partite andranno comunque avanti finché una squadra potrà schierare almeno tredici giocatori, compreso un portiere.

Le partite saranno riprogrammate solo se le squadre non potranno schierare questo numero specifico, e saranno giocate entro 48 ore, se possibile. Ma se l'Organo di Controllo, Etica e Disciplina della UEFA ritiene che la partita non possa essere riprogrammata, la squadra responsabile della mancata realizzazione della partita darà forfait e perderà 3-0.

  • Arbitraggi

Al torneo saranno presenti anche arbitri provenienti dal Sud America, tra cui l'argentino Fernando Rapallini, per la prima volta nell'ambito di un programma di scambio UEFA.

Nel frattempo, la francese Stéphanie Frappart sarà il primo arbitro donna a un campionato europeo nel suo ruolo di arbitro di supporto.

EURO 2020 sarà anche la prima volta che il campionato utilizzerà il sistema VAR (Video Assistant Referee).

Quali sono le 11 sedi in Europa per EURO 2020?

La selezione e la conferma delle sedi per i campionati europei di calcio del 2020 è stata probabilmente il più grande grattacapo per la UEFA, l'organo di governo del calcio europeo.

La UEFA aveva inizialmente proposto 13 città ospitanti, poi ridotte a una dozzina nel 2017 dopo i ritardi nella costruzione dell'Eurostadio di Bruxelles.

Ma, con l'avanzare della pandemia di COVID-19, è stata necessaria una maggiore riflessione, poiché alcuni degli stadi selezionati hanno riferito di non riuscire a garantire che i tifosi potessero assistere alle partite.

A febbraio, la Federcalcio israeliana si è inizialmente offerta di aiutare e ospitare alcune delle partite a causa degli alti tassi di vaccinazione del paese. La UEFA, tuttavia, ha ribadito il suo impegno per le città originariamente scelte.

Ma l'Aviva Stadium di Dublino è stato poi rimosso dalla lista delle sedi ospitanti in aprile dopo non essere riuscito a garantire la presenza dei tifosi, e anche la Spagna ha spostato le sue partite dal San Mames di Bilbao all'Estadio La Cartuja di Siviglia.

Il Krestovsky Stadium di San Pietroburgo, nel frattempo, ospiterà le tre partite della fase a gironi al posto di Dublino.

La UEFA era anche preoccupata per le partite giocate a Baku, Azerbaijan, a causa del conflitto con l'Armenia riesploso nel 2020 in Nagorno-Karabakh, ma le restrizioni sono state rimosse a dicembre in seguito a un cessate il fuoco.

Le semifinali e la finale di Euro 2020 si giocheranno al Wembley Stadium di Londra, che con i suoi 90.000 posti è il più grande degli 11 impianti.

Nel frattempo, la partita di apertura tra Turchia e Italia l'11 giugno si svolgerà allo Stadio Olimpico di Roma.