Scuola: quando foresta e natura diventano materia di studio

In istituto Milano, obbiettivo diventare 'climate positive'
In istituto Milano, obbiettivo diventare 'climate positive'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 07 GIU - Dalla teoria ai laboratori sul campo con messa a dimora di nuovi alberi, dalla scuola dell'infanzia fino ai licei linguistico e scientifico di scienze applicate: il bosco, inteso come ecosistema custode di biodiversità nonché 'depuratore' di aria e acqua, entra per la prima volta in didattica per consolidare, fin dalla tenera età, la consapevolezza degli studenti circa il ruolo fondamentale che le foreste svolgono nella vita dell'uomo e la propensione alla cura dell'ambiente e dei suoi fragili equilibri. Accade a Milano, dove l'istituto onnicomprensivo paritario Scuola Europa ha deciso di aderire dall'anno scolastico 2021-2022 al progetto pilota 'A scuola di foresta'. Quest'ultimo è strutturato da Etifor, spin-off dell' Università di Padova impegnato nella valorizzazione del patrimonio naturale e in opere di riforestazione in tutto il mondo. L'iniziativa - spiegano gli ideatori - si concretizza prima nell'affiancamento da parte del team di ricercatori di Etifor ai docenti per la declinazione della didattica a seconda dell'ordine di studio e in seconda battuta in una serie di laboratori realizzati direttamente nel bosco per dare ampio spazio alle modalità di apprendimento esperienziali. Il progetto gravita attorno a tre aree tematiche principali: cosa sono le foreste, la loro struttura e funzioni principali, il loro ruolo per la salute dell'uomo e nel contrasto al cambiamento climatico. "Il progetto nasce con l'obiettivo di formare nel lungo periodo, in maniera strutturata e coinvolgente, sul tema cruciale del patrimonio boschivo gli adulti di domani - spiega Ilaria Doimo, project manager di Etifor - ovvero coloro che saranno chiamati a risolvere, o quantomeno tentare di rallentare, la crisi climatica e i suoi effetti, capillari e devastanti, attraverso una gestione sostenibile delle risorse naturali, ovvero il nostro migliore alleato". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La polizia carica gli studenti a Pisa e Firenze: 5mila in piazza contro la violenza degli agenti

Anniversario della guerra in Ucraina, von der Leyen vola a Kiev. Presente anche Meloni per il G7

Ungheria, fiducia ritrovata nella Svezia: incontro a Budapest tra Orbán e Kristersson