ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Spionaggio: gli Stati dell'Unione chiedono spiegazioni alla Danimarca

euronews_icons_loading
Spionaggio: gli Stati dell'Unione chiedono spiegazioni alla Danimarca
Diritti d'autore  /AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Diverse Nazioni dell'Unione europea hanno chiesto risposte alla Danimarca, i cui servizi segreti avrebbero coadiuvato l'Agenzia per la sicurezza nazionale statunitense per spiare la cancelliera tedesca Angela Merkel e altri politici europei nel 2013.

Il ministro della Difesa svedese, Peter Hultqvist, è uno dei primi: "Ho chiesto specificamente informazioni - dice - sulle società e sui cittadini svedesi, vorremmo ottenerne di complete e veder mostrate tutte le carte in tavola".

Anche il Parlamento norvegese storce il naso: "Se fosse vero - dice Audun Lysbakken, leader del Partito socialista - si tratterebbe di una violazione della fiducia profondamente grave e inquietante".

La Francia, intanto, dipinge l'eventualità come estremamente grave, mentre la Germania, pur pretendendo chiarezza, smorza i toni.

"Sono stato rassicurata - afferma Angela Merkel - dal fatto che la Danimarca, il Governo, il ministro della Difesa hanno chiarito molto bene cosa pensano di queste cose: a tal proposito, vedo una buona base per stabilire ottime relazioni, oltre a chiarire i fatti".

Uno dei principali giornalisti che ha scoperchiato il vaso di Pandora ha detto ad Euronews che potrebbe esserci una ragione per la mancanza di critiche dirette.

"Forse vedremo anche qualche critica proveniente dalla Germania - dice Niels Fastrup - anche se penso che i tedeschi potrebbero essere un po' titubanti in tal senso, avendo patito uno scandalo simile qualche anno fa, quando l'Intelligence militare tedesca fu coinvolta in una storia di spionaggio a discapito di altri paesi dell'Unione".

Otto anni fa venne svelato dallo storico membro di Wikileaks ed ex analista Cia, Edward Snowden, che i servizi segreti statunitensi avevano messo sotto controllo le comunicazioni della cancelliera Merkel.

La Casa Bianca si limitò a una laconica smentita, deboluccia agli occhi di molti osservatori.

Per l'emittente pubblica danese DR, la presunta collaborazione tra Stati Uniti e Danimarca era chiamata in codice "Operazione Dunhammer".

La tv ha riferito di interviste con nove fonti anonime, secondo cui l'organismo governativo americano (NSA) avrebbe avuto accesso a messaggi e conversazioni telefoniche dei politici europei collegandosi alla rete internet danese.