EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Papa: Chiesa porti misericordia più che inculcare regole

'Se ci dividiamo tra destra e sinistra dimentichiamo Dio'
'Se ci dividiamo tra destra e sinistra dimentichiamo Dio'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CITTA DEL VATICANO, 23 MAG - Una Chiesa che porti misericordia invece di "inculcare regole", che sia unita e non divisa in 'ismi' ed ideologie, che metta "al primo posto Dio" e non i suoi piani e riforme. E' quanto Papa Francesco ha chiesto nella Messa di Pentecoste. "Oggi, se ascoltiamo lo Spirito, non ci concentreremo su conservatori e progressisti, tradizionalisti e innovatori, destra e sinistra, no: se i criteri sono questi, vuol dire che nella Chiesa si dimentica lo Spirito", ha detto il Papa nell'omelia auspicando che la Chiesa combatta le ideologie al suo interno e punti "all'unità, alla concordia, all'armonia delle diversità". "Il nemico - ha aggiunto riferendosi al diavolo - vuole che la diversità si trasformi in opposizione e per questo la fa divenire ideologia. Dire di 'no' alle ideologie e 'sì' all'insieme". La Chiesa in questo tempo, segnato dalla sofferenza per la pandemia, è chiamata a portare consolazione "non facendo grandi discorsi, ma facendoci prossimi; non con parole di circostanza, ma con la preghiera e la vicinanza". "Il Paraclito dice alla Chiesa che oggi è il tempo della consolazione. È il tempo del lieto annuncio del Vangelo più che della lotta al paganesimo. È il tempo per portare la gioia del Risorto, non per lamentarci del dramma della secolarizzazione. È il tempo per riversare amore sul mondo, senza sposare la mondanità. È il tempo in cui testimoniare la misericordia più che inculcare regole e norme". Infine ha avvertito vescovi e sacerdoti: "Se in primo luogo ci sono i nostri progetti, le nostre strutture e i nostri piani di riforma scadremo nel funzionalismo, nell'efficientismo, nell'orizzontalismo e non porteremo frutto. Gli 'ismi' sono ideologie che dividono, che separano", "mettiamo Dio al primo posto!". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso, gli Stati Uniti: "Nave greca attaccata dagli Houthi"

Trump, processo verso la fine: sentenza attesa entro la settimana

Gaza, carri armati nel centro di Rafah: Israele, Usa ed Europa divisi dopo attacchi a campi profughi