ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Medio Oriente, Papa Francesco: "Fate cessare il frastuono delle armi"

euronews_icons_loading
Papa Francesco
Papa Francesco   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Far cessare il 'frastuono delle armi' in Medio Oriente. Anche con l'aiuto della comunità internazionale. Nel messaggio domenicale del Regina Coeli, Papa Francesco lancia il suo appello, a chi ne ha responsabilità, per l'avvio del percorso di pace tra israeliani e palestinesi.

"Sto seguendo con grande preoccupazione quanto sta accadendo in Terra Santa - ha detto il Papa - Molte persone sono state ferite e molti innocenti sono morti. Tra loro ci sono anche molti bambini. Preghiamo per le vittime, specialmente per i bambini. Preghiamo la Regina della Pace".

Nella Basilica Vaticana, all'Altare della Cattedra, il Pontefice ha rivolto il suo sguardo verso un altro popolo, piegato da una sanguinosa guerra civile.

Francesco celebra la Messa per la comunità dei fedeli del Myanmar, residenti a Roma. Nell'omelia richiama la preghiera di Gesù che chiede al Padre di custodire i suoi discepoli. Di fronte al dramma che sta vivendo il Paese, in primo luogo 'si deve custodire la fede' dice il Papa, esoratando i cristiani a rimanere uniti.

"Essere fedeli al Vangelo e artigiani di pace . Solo così - aggiunge Francesco - le cose possono cambiare".

L'altro aspetto sottolineato dal pontefice è dunque quello dell'unità. "Gesù prega il Padre perché custodisca i suoi nell’unità. Perché siano 'una sola cosa', una sola famiglia dove regnano l’amore e la fraternità. Mentre la divisione 'è una malattia mortale'. La sperimentiamo nel nostro cuore, perché spesso siamo divisi anche in noi stessi; la sperimentiamo nelle famiglie, nelle comunità, tra i popoli, perfino nella Chiesa. Sono tanti i peccati contro l’unità: le invidie, le gelosie, la ricerca di interessi personali invece che del bene di tutti, i giudizi contro gli altri. E questi piccoli conflitti che ci sono tra di noi si riflettono poi nei grandi conflitti, come quello che vive in questi giorni il vostro Paese. Quando gli interessi di parte, la sete di profitto e di potere prendono il sopravvento, scoppiano sempre scontri e divisioni".