Turismo: prove di tutto esaurito a Portofino e nel Tigullio

Buoni segnali per la ripresa in tempo di covid
Buoni segnali per la ripresa in tempo di covid
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 08 MAG - Code al casello autostradale, parcheggi esauriti, battelli pieni così come i tavoli dei bar e dei ristoranti. Il primo weekend di sole post aperture fa segnare nel Tigullio occidentale un tutto esaurito. Se non ci fossero le mascherine sui volti delle persone, la pandemia sarebbe un ricordo lontano. Rapallo, Santa Margherita Ligure e Portofino assaggiano segnali di ripartenza che fanno ben sperare per la stagione. A far da traino indubbiamente Portofino protagonista con le regate organizzate dallo Yacht Club Italiano e finanziate da vari sponsor, su tutti il gruppo Belmond dell'hotel Splendido. "Possiamo parlare anche di modello Genova nell'organizzazione delle regate - dice Gerolamo Bianchi, presidente dello Yacht Club Italiano -. Stiamo dimostrando al mondo intero che è possibile organizzare grandi eventi in sicurezza". In effetti l'organizzazione è meticolosa con tamponi obbligatori per tutti, partecipanti, ospiti, addetti ai lavori. Prima la sicurezza, un attenzione apprezzata dai turisti soprattutto esteri. Dal punto di vista sportivo le regate domani termineranno. Si sono svolte in condizioni meteo ideali, con forti venti e mare formato che hanno regalato virate mozzafiato a ridosso del promontorio proprio sotto al faro di Portofino. Da registrare oggi la presenza del sindaco di Genova Marco Bucci, appassionato velista, sulla barca in gara dello Yacht Club Italiano Indomabile Pensiero. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Parlamento europeo approva il divieto sui prodotti realizzati con lavoro forzato

Parigi: la polizia sgombera decine di migranti davanti all'Università Sorbona

Regno Unito, legge sui migranti: i richiedenti asilo saranno deportati in Ruanda