ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: Italia e Francia allentano le restrizioni, torna la corrida a Madrid

euronews_icons_loading
Covid-19: Italia e Francia allentano le restrizioni, torna la corrida a Madrid
Diritti d'autore  Filippo Ciappi/LaPresse/Filippo Ciappi
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Italia, quasi tutta in giallo, allenta le restrizioni anti-contagio imposte dalla pandemia da Covid-19. La sola regione in rosso è la Valle d'Aosta. Dello stesso colore Bella Farnia, frazione di Sabaudia dove è stato registrato un boom di infezioni tra i numerosi braccianti indiani dell'area. In arancione sono Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna.

Il Paese, che negli utlimi giorni è riuscito a superare il mezzo milione di dosi di vaccino al giorno, inizia la settimana con le polemiche per gli assembramenti a Milano per i festeggiamenti dello scudetto dell'Inter, e la notizia del numero più basso di decessi per Covid dal 26 ottobre scorso: 144 nelle ultime 24 ore, tenendo sempre conto che nel week-end arrivano meno dati dagli screening.

In Francia al via la prima delle quattro fasi di deconfinamento

Stesso discorso per la Francia, anch'essa con meno morti per Covid, 133 nelle ultime 24 ore. Il Paese inizia la prima delle quattro fasi dell'allentamento delle restrizioni, con il parziale ritorno a scuola degli studenti di medie e superiori, e la rimozione del divieto di spostamento tra le regioni.

A Madrid torna la corrida

In Spagna, se gli stadi rimangono chiusi ai tifosi di calcio, si è ripopolata invece l'arena di Las Ventas a Madrid, dove è tornata la corrida, fra le proteste degli animalisti. L'ingresso è stato consentito a 6.000 persone, il 40 per cento della capienza.

"Vengo qui da quando avevo dieci anni, è incredibile. Spero che entro l'anno si arrivi al 100 per cento degli spettatori", dice un ragazzo del pubblico, al quale è stato imposto l'uso della mascherina durante tutto l'evento.

Manifestazione anti-lockdown ad Amsterdam

In Olanda, dallo scorso mercoledì è stato eliminato il coprifuoco notturno e concesso a bar e ristoranti con spazi all'aperto di servire i clienti da mezzogiorno alle sei. Tuttavia il posticipo di almeno una settimana di ulteriori misure di deconfinamento, che dovevano debuttare l'11 maggio, ha fatto esplodere la rabbia di centinaia di persone, che hanno manifestato con un corteo nel centro di Amsterdam.