Lauree Venezia tornano all'aperto in Piazza San Marco

Manfredi, grande privilegio parlare in luogo così simbolico
Manfredi, grande privilegio parlare in luogo così simbolico
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VENEZIA, 25 SET - "Per me è un grande privilegio poter parlare a questi ragazzi in un luogo così simbolico per il nostro Paese: farlo in Piazza San Marco, a Venezia, significa parlare in uno dei luoghi che rappresenta il senso di un'Italia che è leader nel mondo, che è stata un pezzo fondamentale della storia del nostro mondo, che ha costruito il mondo moderno. E' davvero un'emozione grande poter parlare, se pur in modo virtuale, in questo luogo". Così il ministro dell'Università e della ricerca, Gaetano Manfredi, in diretta streaming sul grande schermo allestito nel 'salotto buono' della città lagunare, attraverso il canale YouTube dell'Università Ca' Foscari ha parlato via streaming alla cerimonia di consegna delle lauree. E' la prima volta che le cerimonie tornano all'ombra del campanile di Venezia dopo il periodo di emergenza sanitaria da Coronavirus. All'aperto ma con tutta una serie di precauzioni: nessun parente in platea e sedie vuote tra i 520 laureati - il numero di presenti concordato con le autorità - per garantire il distanziamento sociale, accessi contingentati e messaggi vocali dagli altoparlanti e sui grandi schermi che invitano a indossare la mascherina, a rispettare la distanza di un metro, prendere posto e non alzarsi. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: accordo tra Kiev e Mosca per lo scambio di 48 bambini sfollati

Nestlé: distrutte due milioni di bottiglie d'acqua della filiale Perrier. Scoperti batteri "fecali"

Ucraina, Biden firma il pacchetto di aiuti all'estero da 95 miliardi: "Armi già nelle prossime ore"