Israele, calca a un raduno religioso: almeno 44 morti e più di 150 feriti

Israele, calca a un raduno religioso: almeno 44 morti e più di 150 feriti
Diritti d'autore AP/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le vittime sono state calpestate a morte all'uscita di uno dei concerti in programma

PUBBLICITÀ

È di almeno 44 morti e più di 150 feriti, alcuni dei quali in condizioni critiche, il bilancio dell'incidente avvenuto durante un raduno religioso di ebrei ortodossi sul monte Meron, nel nord di Israele. A causare il disastro la calca che si è creata all'uscita da uno dei concerti in programma per celebrare la tradizionale festa di Lag Ba'omer.

Stando a molteplici testimonianze e ad alcuni video pubblicati sui social, centinaia di persone si sono accalcate in un passaggio molto stretto, simile a un tunnel. Alcune di loro sono scivolate sui gradini di metallo, facendone cadere altre che hanno finito per ammassarsi, anche a causa della tardiva rimozione di alcune transenne alla fine del passaggio.

All'evento, stando alla polizia, erano presenti circa 100mila persone, un numero - secondo altre fonti - almeno quattro volte superiore alla capienza del luogo in cui si è svolto l'evento.

"Continuavano ad arrivare altre persone, sempre di più, da ogni lato, e la polizia non le lasciava uscire. Hanno cominciato ad accalcarsi e ad essere schiacciate l'una sull'altra. La polizia non ha aperto il passaggio finché non è crollato tutto", ha raccontato uno dei testimoni.

Sul posto sono arrivati sei elicotteri e decine di ambulanze per evacuare i feriti e trasportarli negli ospedali della zona. Il raduno sul monte Meron era il primo grande evento dopo l'allentamento delle restrizioni anti-Covid, reso possibile dal successo della campagna di vaccinazione nel paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gerusalemme, crolla la tribuna della sinagoga: due morti e 150 feriti

Israele risponde agli inviti alla moderazione: "Colpiremo l'Iran, al momento giusto"

Vendetta, geopolitica e ideologia: perché l'Iran ha attaccato Israele