ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Calabria, coltivavano e vedevano marijuana: arrestati

euronews_icons_loading
Campo di canapa indiana
Campo di canapa indiana   -   Diritti d'autore  Carabinieri Reggio Calabria
Dimensioni di testo Aa Aa

Alimentavano il mercato nazionale delle droghe leggere, le migliaia di piante di canapa indiana scoperte tempo fa dai carabinieri ad Amato, in provincia di Reggio Calabria.

A raccolto ultimato, la produzione era nell'ordine dei quintali: una volta immessa sul mercato illegale, avrebbe generato profitti per centinaia di milioni di euro.

Una florida attività stroncata dalla procura della Repubblica di Palmi e dai carabinieri, che hanno fatto finire cinque persone in carcere, una agli arresti domiciliari, e una sottoposta all'obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria.

L'organizzazione poteva contare su un gruppo capace di coltivare grandi quantità di marijuana, e su un secondo, impegnato a trasportare e a consegnare ai destinatari lo stupefacente, che secondo le analisi, risultava essere di qualità molto buona.

Alcuni dei fermati, secondo i carabinieri, avrebbero legami con una potente cosca della ndrangheta jonica, quella dei Palamara Bruzzaniti Morabito, di Africo.