ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La sindrome post Covid-19: gli effetti a lunga durata della malattia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Covid, si guarisce?
Covid, si guarisce?   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

È stata definita sindrome post Covid-19 e si riferisce agli effetti a lungo termine della malattia su alcuni pazienti considerati guariti ma che non hanno ancora superato i postumi. Circa un terzo di loro continua a soffrire di almeno un sintomo, come l'alterazione del gusto o dell'olfatto, più di sei settimane dopo la loro infezione. Altri lamentano un generale senso di spossatezza.

Per _Euronews,_Tadhg Enright ha parlato con alcuni di loro nel Regno Unito: Alex Rose ha 24 anni , Jade Gray-Christie ne ha 33, Christina Barratt 50.

Preso il Covid un anno fa, non è ancora finita

Alex dice di essersi ammalato gravemente per la prima volta il 27 marzo dell'anno scorso, Cristina il 28, Jade Gray il 16. Un anno dopo sono ancorà lì.

"Non c'è stato un solo giorno in cui mi sono sentita bene o come me stessa, dice Christina mentre Jade Gray teme di non tornare più in salute come prima del Covid.

Ammalate di Covid, queste tre persone non si sono dunque ancora riprese.

"Sto ancora abbastanza a letto la maggior parte dei giorni" spiega Alex e Jade Gray descrive una stanchezza incredibile, "come se il suo corpo fosse appesantito da mattoni".

"Il livello di debolezza è qualcosa davvero difficile da comunicare con la parola fatica - aggiunge Christina - È come se tutto il tuo corpo fosse incapace di qualsiasi movimento".

Gli effetti Covid a lunga durata

C'è poi l'elenco dei sintomi che persistono: problemi alla gola che impediscono di mangiare. E ancora: dolori muscolari e al petto, difficoltà a respirare. Christina parla di terribili problemi di stomaco, gonfiore permanente e dolore diffuso.

Uno tsunami che si è abbattuto su persone che, prima del Covid, conducevano una vita attiva, praticavano sport anche con una certa assiduità. La situazione inedita e l'assenza di certezza producono ansia, che si aggiunge allo stato di prostrazione fisica: "Molte volte sono andata a letto la sera e ho semplicemente pianto", racconta Jade Gray. Un gruppo di supporto online li unisce.

La lunga convalescenza e le speranze di chi la vive

Alla domanda se sia possibile condividere la speranza portata dai vaccini, Christina risponde: "No, non posso condividerla. Voglio essere in grado di alzarmi dal letto la mattina e pensare: 'Oggi mi sento normale' ".

Per Alex la vita è ancora: "Posso fare una passeggiata di cinque minuti oggi? Posso fare la doccia oggi?"

"È bello pensare che sia possibile tornare ad uscire - dice Jade Gray - Ma questo avrà un costo e mi riporterà a letto per diversi giorni".

L'augurio di Christina: "Spero che tutti stiano presto meglio. E che nessun altro prenda il Covid e resti malato a lungo".