ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Europa del Covid: l'Italia richiude, la Francia stringe, il Portogallo riapre, la Grecia protesta

euronews_icons_loading
Mario Draghi durante la visita al centro di vaccinazione dell'aeroporto di Fiumicino.
Mario Draghi durante la visita al centro di vaccinazione dell'aeroporto di Fiumicino.   -   Diritti d'autore  Guglielmo Mangiapane/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Sempre guai per il vaccino AstraZeneca.

Ne centro di vaccinazione gestito dall'esercito a Cosenza, il vaccino è stato sospeso giovedì: l'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) ha emesso un avviso che vieta l'uso di dosi appartenenti al lotto ABV2856 del vaccino AstraZeneca.

Dopo che sono stati segnalati "diversi gravi eventi avversi", ha commentato il presidente del Consiglio Mario Draghi, descrivendola come una "decisione precauzionale", in linea con altre nazioni europee.

Italia tutta "rossa" per Pasqua

Nel frattempo, l'Italia sta inasprendo le restrizioni Covid-19 per il fine settimana di Pasqua, mentre molti ospedali avvertono che stanno esaurendo i letti di terapia intensiva per i pazienti affetti da Coronavirus.

Il governo, infatti, ha deciso che tutta l'Italia sarà in zona rossa il fine settimana di Pasqua, dal 3 al 5 aprile.
Misure rigide per la seconda Pasqua consecutiva.

Venerdì Mario Draghi ha visitato un centro di vaccinazione all'aeroporto Leonardo da Vinci di Roma-Fiumicino e ha notato che il ritmo della vaccinazione, ora con 170.000 dosi al giorno, è aumentato notevolmente.

In Italia è già stata superata la soglia dei 100.000 decessi da Covid-19.
Secondo i dati ufficiali, l'Italia è al 7° posto nel mondo come numero di contagi dall'inizio della pandemia, oltre 3 milioni e 200 mila casi e al 6° posto come numero di vittime, quasi 102.000, il paese peggiore di tutta l'Unione europea, il secondo peggiore di tutta l'Europa, dopo il Regno Unito (oltre 125.000 decessi) e più della Russia (poco più di 92.000)..

E a proposito delle restrizioni, Draghi ha dichiarato:

"Sono misure necessarie per evitare un peggioramento, che renderebbe inevitabili restrizioni ancora più stringenti. Ma queste misure sono accompagnate da un'azione del governo a sostegno delle famiglie e delle imprese e dall'accelerazione della campagna di vaccinazione che, da sola, fa sperare nell'uscita dalla pandemia".
Mario Draghi
73 anni, Presidente del Consiglio italiano
Guglielmo Mangiapane/AP
Mario Draghi con due operatori sanitari.Guglielmo Mangiapane/AP

Francia sempre a rischio

L'organo di controllo della Sanità pubblica francese raccomanda che il vaccino prodotto dalla Johnson & Johnson, appena autorizzato in Europa, sia iniettato a tutti gli adulti sopra i 18 anni.

In una guida pubblicata venerdì, l'Alta Autorità francese per la Salute ha dichiarato che la somministrazione del vaccino dovrebbe essere indirizzata, come priorità, nelle zone geografiche della Francia (soprattutto il Nord) in cui il virus si sta diffondendo più rapidamente.

Il vaccino Johnson & Johnson, approvato giovedì dall'Agenzia europea dei Medicinali, non arriverà comunque in Francia prima di metà aprile.

Il primo ministro francese Jean Castex ha espresso preoccupazione per la "gravissima situazione'' - cosi l'ha definita - della regione di Parigi, dove i pazienti colpiti da Covid occupano il 95% delle unità di terapia intensiva.
Alcuni dei pazienti saranno trasferiti in ospedali di altre zone della Francia e lo stesso Castex si è detto pronto a varare ulteriori restrizioni nazionali, se necessario.

Francois Mori/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Il premier francese dietro la mascherina è Jean Castex.Francois Mori/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

In Francia, il coprifuoco comincia ogni giorno alle 18.00 e le autorità hanno ordinato un ulteriore blocco per questo fine settimana in alcune zone della Costa Azzurra e nel nord della Francia.

Nei dati ufficiali, la Francia è al 6° posto come numero di casi di positività al Coronavirus (oltre 4 milioni, più dell'Italia) e all'8° posto come numero di decessi (oltre 90.000).

Proteste e contagi in Grecia.

In Grecia, di fronte a un aumento dei casi di Coronavirus ed a un'ondata di violente manifestazioni antigovernative, il primo ministro Kyriakos Mītsotakīs ha accusato l'opposizione di sfruttare politicamente la stanchezza da restrizioni-Covid.

Decine di manifestazioni hanno avuto luogo ad Atene e in altre città greche, nelle ultime settimane, in seguito a numerose accuse di brutalità da parte della polizia nel far rispettare il coprifuoco notturno e le altre rigide misure di chiusura decise dal governo ellenico.

Spesso con la partecipazione di migliaia di persone che sfidano le restrizioni, le proteste hanno scatenato ripetuti scontri notturni tra i manifestanti e la polizia.

Parlando in Parlamento, Mītsotakīs ha affermato che i partiti dell'opposizione hanno agito in modo irresponsabile e hanno ignorato i suoi appelli alla calma.

AP Photo
Kyriakos Mītsotakīs, primo ministro greco. Sullo sfondo, la bandiera della Grecia.AP Photo

Circa la metà dei nuovi casi positivi è stata registrata nella grande area metropolitana di Atene, dove le unità di terapia intensiva degli ospedali per i pazienti-Covid hanno raggiunto il 95% della capacità.

Lunedì scorso le autorità sanitarie greche hanno approvato l'uso del vaccino di AstraZeneca, anche per le persone dai 65 anni in su.

Più di 1,1 milioni di dosi del vaccino sono state somministrate finora, con più di 377.000 persone che hanno già ricevuto entrambe le dosi.

Il Portogallo riapre

Qualcuno che riapre (un po') c'è: il governo portoghese di António Costa ha annunciato che inizierà ad allentare gradualmente le restrizioni a partire dalla prossima settimana.

L'idea è riaprire lentamente, facendo trascorrere due settimane tra ogni "passo" e l'altro.

A partire da lunedì 15 marzo, i bambini torneranno all'asilo nido, alle scuole materne ed elementari.
Riapriranno negozi, parrucchieri, saloni di manicure e di estetica, librerie, garage, agenzie immobiliari e biblioteche.

Terrazze, musei e altri negozi non essenziali riapriranno le loro porte il prossimo 5 aprile.

Armando Franca/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Finalmente i barbieri portoghesi potranno riaprire.Armando Franca/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Il piano delle riaperture copre un periodo di sette settimane, con ristoranti e bar che funzioneranno normalmente solo dopo il 3 maggio.

Gli studenti delle scuole superiori e dell'Università potranno tornare "in presenza" dal 19 aprile, quando anche i cinema, i teatri e i centri commerciali dovrebbero poter riaprire.

Gli eventi all'aperto saranno consentiti secondo le regole della capienza più o meno parziale.