EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'AIEA sul nucleare: "Energia pulita e di domani. Si superi Fukushima"

L'AIEA sul nucleare: "Energia pulita e di domani. Si superi Fukushima"
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Fukushima 10 anni dopo. L'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica: "Energia pulita e del futuro. Un incidente non rimetta in discussione un intero comparto". Il direttore generale Rafael Grossi sulla questione degli scarti: "Un problema culturale. La tecnologia l'ha risolto"

PUBBLICITÀ

Salutare il dibattito sulla sicurezza, ma non si rimetta in discussione un intero comparto. A dieci anni dalla catastrofe di Fukushima, l'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica guarda avanti e punta l'accento su prospettive e potenzialità di un'energia che definisce pulita e al passo coi tempi.

"Energia a emissioni zero. Non si rimetta in discussione un intero comparto"

Ai microfoni del nostro Manuel Terradillos, a lanciare l'appello alla fiducia, è il suo direttore generale, Rafael Grossi. "Quella nucleare è un'energia a emissioni praticamente pari a zero - dice -. È questo il suo valore. La questione interessante, sollevata dall'anniversario della catastrofe di Fukushima, è che si devono adottare misure di sicurezza molto stringenti. Un episodio, in sé, non rimette in discussione la validità tutta una tecnologia o di un comparto industriale. Così come un incidente aereo, non rimette in discussione il trasporto aereo". 

Aksana Manchuk/BelTa
L'interno di una centrale nucleareAksana Manchuk/BelTa

Rafael Grossi sugli scarti nucleari: "Un problema culturale. La tecnologia l'ha già risolto"

 un falso Tra i nodi più sensibili resta però quello di gestione e smaltimento di scorie e rifiuti.Un falso problema, secondo Grossi, che da parte sua la tecnologia ha già risolto. Il vero cambio di passo, sostiene, deve più che altro avvenire sul piano culturale. "Più che di tecnologia, credo sia un problema di immagine e di accettazione sociale - dice ancora Grossi -. Sul piano tecnologico disponiamo delle soluzioni necessarie. Tutto sta a metterle in pratica. Non c'è alcun ostacolo, nessuna vera impossibilità. Non è un'energia che manchi di visione, di prospettive o di piani per lo sviluppo delle sue risorse". 

Ahn Young-joon/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Proteste contro il nucleare in Corea del SudAhn Young-joon/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.

Prospettive e misure di sicurezza, che fanno però anche rima con costi. Cifre in ascesa, che espongono il nucleare alla crescente competizione di energie rinnovabili sempre più alla portata

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Agenzia internazionale dell'energia, obiettivo emissioni nette zero entro il 2050

Siviglia: qui l'arancione è il nuovo "green"

Il capo dell'Aiea in Iran per chiedere controlli più severi sul programma nucleare del Paese