ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Partnership tra Austria, Danimarca e Israele: "I vaccini ce li facciamo noi"

Di Cristiano Tassinari  & Euronews World
euronews_icons_loading
Partnership tra Austria, Danimarca e Israele: "I vaccini ce li facciamo noi"
Diritti d'autore  Francois Mori/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

"I vaccini ce li facciamo noi".

Lo dicono Austria e Danimarca: non faranno più affidamento solo sull'Unione europea per i vaccini contro il Covid-19, ma lavoreranno con Israele per produrre vaccini di seconda generazione.

La decisione di creare una "partnership per la produzione di vaccini" tra i tre paesi arriva nel momento in cui le cifre indicano che circa il 7,5% della popolazione dell'Ue ha ricevuto una dose di vaccino, rispetto al 52% di Israele.
Dati molto differenti, in effetti.

Austria: "È il momento di produrre"

Il Cancelliere dell'Austria, Sebastian Kurz, è preoccupato che la lotta contro le nuove varianti possa essere altrettanto lenta.

Sebastian Kurz, Cancelliere austriaco:

"La ricerca avrà sempre bisogno di un certo tempo per adattare i vaccini, reagire alle nuove mutazioni, che richiede sempre un po' di tempo: dopo di che è il momento di produrre.
Più velocemente questi due processi avvengono e più autonomamente agiamo, meglio saremo preparati a gestire le varianti del virus, contro le quali i vaccini convenzionali potrebbero non funzionare".
Sebastian Kurz
34 anni, Cancelliere Austria
AP Photo
Il Cancelliere austriaco Kurz è preoccupato.AP Photo

Danimarca: "Un rafforzamento della strategia dell'Unione europea"

La premier della Danimarca, Mette Frederiksen, ha dichiarato che la scelta unilaterale non è affatto una separazione, bensì deve essere vista come un rafforzamento della strategia di approvvigionamento dell'Unione europea.

AP Photo
La premier danese Mette Friederiksen, 44 anni.AP Photo

Serbia: 10.000 vaccini per la Bosnia

Nel frattempo, la Bosnia ha ricevuto un carico contenente 10.000 vaccini dalla Serbia.
La consegna avviene nel mezzo di una disputa con il programma internazionale "Covax" - istituito dall'OMS - per un ritardo nelle consegne previste.

AP Photo
Vaccini in consegna per la Bosnia.AP Photo

Il presidente serbo Aleksandar Vučić ha accompagnato la spedizione affermando che si tratta di un grande atto di solidarietà tra i paesi balcanici.

Turchia: scuole riaperte

E in Turchia alcune scuole, da lunedi 1* marzo, hanno riaperto: è un primo allentamento delle restrizioni imposte nelle ultime settimane, a causa dell'impennata dei casi di Coronavirus.

AP Photo
Scuole riaperte in Turchia.AP Photo

Il governo turco ha catalogato le 81 province della Turchia in aree a basso, medio, alto e molto alto rischio. Le scuole riapriranno "in presenza" nelle aree a basso e medio rischio. Nelle altre zone, solo gli studenti - anche universitari - alle prese con gli esami dell'ultimo anno potranno recarsi fisicamente alle lezioni.

La maestra elementare Gulden Berdici sprizza entusiasmo:

AP Photo
"Siamo così felici di tornare a scuola...".AP Photo

''Siamo tutti contenti, siamo tutti molto felici di essere tornati a scuola con i nostri bambini. Tutto è pronto, il nostro equipaggiamento è pronto. Anche i bambini sono molto emozionati, siamo stati lontani dalla scuola troppo tempo.
Se da Lassù ci proteggono, tutto andrà bene e finiremo quest'anno in modo quasi normale".