ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La guerra per i vaccini a discapito dei paesi più poveri

Di Jack Parrock  & Elena Cavallone
euronews_icons_loading
La guerra per i vaccini a discapito dei paesi più poveri
Diritti d'autore  AFP PHOTO / UNITED NATIONS / ESKINDER DEBEBE/HANDOUT
Dimensioni di testo Aa Aa

La guerra per i vaccini rischia di lasciare fuori i paesi più poveri. C’era da aspettarselo, purtroppo, ma quello che davvero lascia perplessi è il modo in cui la corsa al vaccino porti con se i retaggi del colonialismo occidentale.

L’alleanza globale per i vaccini chiamata COVAX, istituita per fornire vaccinazioni alle nazioni più povere, sta facendo fatica per diventare operativa. I paesi più ricchi, invece, fanno a gara per l'acquisto di dosi.

La disparità di trattamento da parte delle case farmaceutiche è evidente: il Sud Africa paga 4 euro e 32 centesimi per dose del vaccino AstraZeneca: 2 volte e mezzo in più rispetto al prezzo pagato dai paesi europei.

Per la direttrice esecutiva del programma delle Nazioni Unite contro l’AIDS, Winnie Byanyima, si tratta di una nuova forma di apartheid. "È una discriminazione, è davvero vergognoso quello che sta succedendo. Vedere i paesi ricchi litigare tra loro su chi otterrà quale vaccino, mentre altri paesi stanno lì a guardare per me è uno scandalo! "

COVAX nasce dalla collaborazione tra l'Organizzazione mondiale della sanità, le alleanze internazionali sui vaccini, i governi nazionali e la Fondazione Gates.

Finora ha ricevuto oltre 1,5 miliardi di euro di finanziamenti.

I maggiori donatori sono il governo del Regno Unito e il Canada. L’Ue ha donato 96 milioni di euro e in totale i donatori principali sono 33 più un'ampia gamma di donatori minori.

Sotto il presidente Trump gli Stati Uniti sono rimasti fuori da COVAX, ma l'amministrazione Biden afferma di voler contribuire con 3,3 miliardi di euro.

COVAX avrà tuttavia bisogno di un totale di 29 miliardi di euro per pagare 2 miliardi di dosi che ha acquistato da 5 produttori di vaccini.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità vorrebbe somministrare il vaccino nei 92 paesi COVAX prima della fine del 2021, ma anche qui ci sono de gli ostacoli.

"Gli accordi bilaterali tra paesi e aziende stanno mettendo a rischio la promessa di COVAX - afferma il Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus - Direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità. - Sono stati firmati almeno 56 accordi bilaterali sui vaccini che frammentano il mercato, costringono i paesi a competere e fanno salire i prezzi".

I paesi dell'UE stanno cercando di accelerare la campagna di vaccinazione per coprire il 70% della popolazione entro l'estate.

I governi che hanno finanziato la ricerca sui vaccini stanno vaccinando per primi le proprie popolazioni. Tuttavia per

Jacob F. Kirkegaard, Senior Fellow presso il German Marshall Fund, l’idea che COVAX rifletta la mentalità colonialista è molto ingenua. “ Non stiamo dando loro le nostre briciole. L’alternativa è che questi paesi potrebbero non avere mai un accesso adeguato, rapido e tempestivo ai vaccini".

L'immunità di gregge globale per COVID 19 richiede la vaccinazione del 70% della popolazione.

Nella migliore delle ipotesi, COVAX vaccinerà 1 miliardo di persone degli 8 miliardi che vivono sulla Terra.