ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tra alti e bassi l'Europa si prepara a uscire dalla dimensione Covid

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Tra alti e bassi l'Europa si prepara a uscire dalla dimensione Covid
Diritti d'autore  Matt Dunham/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Le Alpi Marittime, Costa Azzurra e Nizza, passano in regime di confinamento stretto nei week-end a venire. Il sabato e la domenica sono i giorni più a rischio concentrazione di visitatori in fuga dalle città chiuse.

Lo ha deciso il governo francese anche a causa dell'impennata di positivi al covid rilevata nella regione della Francia meridionale, confinante oltretutto con Liguria e Piemonte.

Spiega infatti il prefetto delle Alpi Marittime, Bernard Gonzalez:

"Nei prossimi due fine settimana saranno vietati gli spostamenti nei comuni dell'area urbana del litorale. Questa misura entrerà in vigore nelle zone in questione dalle 18 di venerdì sera fino a lunedì mattina alle 6."

La Germania invece comincia a rendere più flessibili alcune misure ristrettive, anche se il covid non sembra ancora battere del tutto in ritirata. Dopo due mesi di chiusura le scuole elementari e gli asili hanno riaperto in più della metà dei länder della Repubblica Federale.

Anja Nessling, un'insegnante di scuola elementare dice:

"sono proprio contenta di rivedere i bambini tornare tra i banchi. Sono stati a casa a lungo e penso che per i genitori questa fosse una sfida enorme. Sono felice che si riprenda."

Ottimismo ragionevole invece nel Regno Unito. Il Primo ministro Boris Johnson ha annunciato alla Camera dei Comuni:

"ci stiamo preparando a quella che penso e spero sia una strada senza ritorno verso la libertà. E questo viaggio è reso possibile dal ritmo del programma di vaccinazioni".

Nel Regno Unito si ricomincia piano piano con un programma preciso che prevede la riapertura delle scuole e delle attività sportive all'aperto nel dopo scuola a partire dall'8 marzo. Seguiranno nei mesi successivi le varie attività di ristorazione e turismo fino al 22 giugno quando si tornerà alla normalità totale.