ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Un Mozart inedito illumina la Settimana dedicata al genio austriaco

euronews_icons_loading
Un Mozart inedito illumina la Settimana dedicata al genio austriaco
Diritti d'autore  euronews
Di Katharina Rabillon  & Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Una sorpresa musicale alla Settimana Mozartiana: un pezzo sconosciuto del genio di Salisburgo celebra la sua prima mondiale, giusto in tempo per il suo 265° compleanno.

Il direttore artistico Rolando Villazón in persona sale sul palco per il concerto di apertura.

"È assolutamente sorprendente vedere la partitura e apprezzare la musica di un pezzo che non abbiamo mai sentito prima", commenta entusiasta Villazón.

Si tratta di 94 secondi di nuovo Mozart, riportato in vita dall'acclamato virtuoso del pianoforte Seong-Jin Cho. Una prima mondiale alla settimana mozartiana a Salisburgo.

Nel tweet di Villazón: "Che gioia condividere questo momento straordinario con tutti voi! Novantaquattro secondi di nuovo Mozart, eseguito dal grande pianista @SeongJinCho__! Enjoy! Il pezzo per pianoforte Allegro in D K626b/16 di Mozart, recentemente scoperto, riceve la sua prima esecuzione mondiale, segnando l'apertura della #Mozartwoche2021".

Il Mozart inedito

Euronews ha potuto dare un'occhiata al manoscritto originale del musicista austriaco, che risale probabilmente all'inizio del 1773. È stato acquistato da un collezionista privato.

Ulrich Leisinger, direttore della ricerca della Mozarteum Foundation, descrive il prezioso reperto: "La cosa davvero interessante è che questa calligrafia sembra abbastanza insolita per Mozart. Certo, ha le sue caratteristiche, ma la partitura è ovviamente scritta molto, molto velocemente. Anche la carta non è carta pentagrammata, ma un normale foglio su cui Mozart ha disegnato le linee del pentagramma".

Invece di essere conservato e tramandato per il godimento dei musicofili di tutto il mondo, come la maggior parte delle opere di Mozart, il manoscritto sembra essersi perso lungo la strada.

In qualche modo, dopo essere passato dal patrimonio del figlio più giovane del compositore alla collezione di proprietà del funzionario austriaco e musicista dilettante Aloys Fuchs, è passato di mano in mano, forse per errore. Proprietà di un antiquario di libri a Vienna negli anni 1880, venne portato all'asta nel 1899.

Il catalogo Köchel, che elenca le opere del compositore, ha iniziato a menzionarlo in questo periodo, anche se il manoscritto ha continuato a essere portato alle case d'asta per approdare finalmente, nel 2018, alla Fondazione Mozarteum di Salisburgo dalla famiglia dell'ingegnere franco-olandese, che lo aveva acquistato da un rivenditore a Parigi alla fine degli anni '20.

Lo staff della Fondazione ha presto confermato che il pezzo per pianoforte era innegabilmente mozartiano e ora è sano e salvo, pronto per il suo tempo sotto i riflettori.

Il Mozart giovane: un'energia coinvolgente

Si ritiene che Mozart abbia scritto l'Allegro in Re K626b/16 quando aveva diciassette anni e si avvicinava alla fine di un viaggio in Italia o era già tornato a Salisburgo.

Il pianista Seong-Jin Cho si lascia trasportare dalla vis del giovane Mozart: "Trovo che questa musica sia molto gioiosa, deliziosa. E anche giocosa. Si può sicuramente sentire che è scritta da Mozart, dal giovane Mozart. Si può sentire l'emozione pura".

Da quando era incredibilmente giovane il genio di Mozart ha cominciato a brillare. Questo si riflette nella sua prima aria da concerto sopravvissuta "Va, dal furor portata", composta quando aveva solo nove anni.

Per Keri-Lynn Wilson, direttrice d'orchestra, "è un pezzo drammatico sul furore, il suo furore. C'era qualcosa dentro di lui che sicuramente può considerarsi una prefigurazione del suo futuro, come nel Don Giovanni e nelle sue grandi opere drammatiche".

La Settimana Mozartiana digitale 2021 mette insieme tutto ciò che il più grande festival di Mozart del mondo propone, arricchendo il programma di anno in anno, a partire dal 1956: concerti orchestrali, pezzi selezionati di musica da camera e formati speciali di concerti con i migliori interpreti di Mozart, che illuminano il cosmo multiforme del grande compositore.

A causa della pandemia, non sono previste esibizioni davanti al pubblico, dal vivo; così la Settimana Mozartiana, ora ridotta a cinque giorni, si terrà solo online, dal 27 gennaio, giorno del compleanno di Mozart. Dieci concerti saranno trasmessi su myfidelio.at (Austria, Germania e Svizzera); alcuni concerti selezionati saranno trasmessi a livello internazionale su Mezzo TV e Medici TV.