ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Francia, ong e 2 milioni di cittadini fanno causa allo Stato per "inerzia climatica"

euronews_icons_loading
Francia, ong e 2 milioni di cittadini fanno causa allo Stato per "inerzia climatica"
Diritti d'autore  Кадр из видео AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

E' cominciata a Parigi la discussione della causa intentata da diverse Ong sostenute da due milioni di cittadini nei confronti dello Stato francese, accusato di non aver agito per fermare il cambiamento climatico. La richiesta è che il tribunale ritenga lo stato responsabile del danno ecologico: la vittoria segnerebbe un passo simbolico nella lotta per persuadere i governi a fare di più, come spiega Cécile Duflot, ceo di Oxfam France: "Non possiamo addossare la responsabilità del cambiamento climatico ai cittadini. Lo stato deve agire attraverso politiche pubbliche. Senza decisioni a livello collettivo non potremo aver successo, questo è stato chiarito".

Le fa eco Jean-François Juillard, Direttore esecutivo di Greenpeace France: "Se ci sarà una sanzione, una condanna dello Stato francese, sarà molto complicato per il potere politico e questo governo continuare a sostenere, come fa da sempre, che la Francia è un esempio da seguire, perché non sarnno più solo organizzazioni come la nostra che dicono che non è così, ma una giurisdizione amministrativa francese".

Il caso francese è cominciato nel dicembre 2018 quando quattro Ong hanno accusato il governo di non aver ridotto le emissioni in una denuncia formale sostenuta da più di due milioni di persone. Chiedono allo Stato un risarcimento simbolico di un solo euro.