EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Prodotti alimentari sotto tutela: via libera all'accordo anti contraffazione

Accordo commerciale anti contraffazione
Accordo commerciale anti contraffazione Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Stefania De Michele
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un patto contro la contraffazione alimentare: il via libera dell'Europarlamento all'accordo siglato con la Cina nel settembre scorso

PUBBLICITÀ

Un patto di mutuo rispetto contro i 'tarocchi alimentari'. Mercoledì l'Europarlamento ha approvato l'accordo tra l'Unione europea e la Cina per proteggere dalla contraffazione 200 specialità alimentari, sia europee che cinesi. 

L'assemblea ha recepito il provvedimento - siglato nel settembre scorso - con 645 voti favorevoli, 22 contrari e 18 astensioni.

"I nostri prodotti, molto conosciuti e molto apprezzati, che hanno un'indicazione geografica - parliamo di champagne, parliamo di whisky irlandese o di formaggi, di olio d'oliva - tutti questi prodotti saranno protetti sul mercato cinese", ha spiegato il relatore Iuliu Winkler (PPE).

Nel paniere europeo figurano 100 prodotti con Indicazione Geografica (IG), che saranno tutelati dalle imitazioni e dall'uso improprio del loro nome. 26 sono italiani. Tra questi, l'aceto balsamico di Modena, il prosciutto di Parma e il San Daniele, la mozzarella di bufala campana e il parmigiano reggiano, oltre a numerosi vini e formaggi. 

Ma l'elenco degli alimenti sotto tutela è lungo: dal Cava allo Champagne, dall'Irish Whisky al Porto, sino alla Feta e al Queso Manchego.
Sul fronte cinese protezione accordata a specialità come lo zenzero Anqiu, il tè bianco Anji, il riso Panjin. 

Gli europarlamentari hanno anche accettato di estendere l'accordo ad altri 175 prodotti europei e cinesi entro quattro anni dall'entrata in vigore dell'accordo.
Dopo il consenso del Parlamento, il Consiglio deve adottare l'accordo affinché possa entrare in vigore all'inizio del 2021.

Nel 2019, la Cina è stata la terza destinazione per le esportazioni europee di prodotti IG, tra cui vini, bevande alcoliche e prodotti agroalimentari, per un volume di 14 miliardi e mezzo di euro. Nel testo della risoluzione si afferma anche che, nel 2018 e nel 2019, l'80% dei sequestri europei di merci contraffatte e usurpative ha avuto origine in Cina, causando perdite pari a 60 miliardi di euro per i fornitori Ue.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Salvare l'agroalimentare europeo. Più aiuti e sostegno ai lavoratori

Coronavirus: le criticità della filiera alimentare

Crisi alimentare: ci salverà la "biodiversità" della natura