ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Georgia: l'opposizione non molla e chiede nuove elezioni

euronews_icons_loading
Georgia: l'opposizione non molla e chiede nuove elezioni
Diritti d'autore  Shakh Aivazov/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

In migliaia sono scesi in piazza nella capitala georgiana Tblisi per chiedere nuove elezioni dopo le denunce di brogli e frodi da parte dell'opposizione sulle ultime legislative.

Nell'arteria principale della capitale si è riversata una marea umana con in mano le bandiere della Georgia, marea umana che ha raggiunto il parlamento .

Il partito al governo, Sogno georgiano "Georgian Dream", guidato dal miliardario, nonché ex premier Bidzina Ivanishvili, respinge le accuse di brogli. Ivanishvili ha vinto le consultazioni con un margine del 2% di voti in più.

Tutti i partiti dell'opposizione si sono rifiutati di entrare in parlamento dopo le elezioni dello scorso 31 ottobre.

In una dimostrazione di unità senza precedenti prima del voto, la principale forza di opposizione del paese, il Movimento nazionale unito (Unm), dell'ex presidente in esilio Mikheil Saakashvili, ha concordato con altre forze d'opposizione minori dla formazione di un governo di coalizione, nel caso fosse stato eletto.

"Chiediamo la sostituzione della commissione elettorale totalmente discreditata e nuove elezioni subito", ha dichiatrato un leader di Unm, Salome Samadashvili, "Ciò consentirebbe di mantenere la stabilità nel paese", ha detto, aggiungendo che "Georgian Dream" "Sogno Georgiano" non è riuscita a ricevere un mandato democratico per rimanere al potere".

Il primo ministro Giorgi Gakharia di Georgian Dream ha affermato che le elezioni hanno segnato "un'altra importante pietra miliare nello sviluppo democratico della Georgia" e ha criticato l'opposizione per aver organizzato manifestazioni di massa i piena pandemia di coronavirus.

Gakharia, che è risultato positivo al virus, è in isolamento da una settimana e ha annunciato un coprifuoco notturno a partire da lunedì.

La Georgia ha assistito a un rapido aumento giornaliero di nuovi casi di dopo aver revocato il confinamento a settembre.

La commissione elettorale deve ancora ufficializzare i primi risultati secondo i quali Georgian Dream ha ottenuto il 48% dei voti, contro il 46% dei partiti di opposizione, in base a un sistema proporzionale che assegna 120 seggi su 150.

Gli altri 30 sono assegnati in colleggi uninominali con sistema maggioritario e in questi si va al ballottaggi tra i due candidati più votati se nessumo ha raggiunto la maggioranza assoluta.

La composizione del nuovo parlamento si avrà solo a fine novembre.