ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il mondo si riscalda. Delle proposte per fermare il disastro arrivano dalla Romania

euronews_icons_loading
Il mondo si riscalda. Delle proposte per fermare il disastro arrivano dalla Romania
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Cosa lega la Romania al rapporto tra biodiversità e cambiamento climatico ai progetti per costruire ponti per gli orsi e riportare i bisonti?

Così marina Druga, poject manager di Wwf Romania: "Penso che tra un paio d'anni vedremo come effettivamente un bisonte possa migliorare un'area ad affrontare i cambiamenti climatici".

"Ma prima, controlliamo gli ultimi dati del Copernicus Climate Change Service".

Abbiamo un nuovo massimo, ancora una volta, è stato il settembre più caldo mai registrato in tutto il mondo, con temperature di oltre 0,6 gradi Celsius superiori alla media 1981-2010.

Euronews
EuronewsEuronews

Guardando la mappa dell'anomalia della temperatura dell'aria superficiale possiamo vedere ovunque in rosa e rosso le differenze.

Change Service implementato da ECMWF
FONTE: Copernicus ClimateChange Service implementato da ECMWF

C'è stato un caldo record in Francia e nuove temperature record per settembre in Turchia, Israele e Giordania.

Era anche più caldo della media nell'Artico e in alcune parti dell'Antartide.

De Filippis, Alberto/
FONTE: Copernicus ClimateDe Filippis, Alberto/

In questo grafico invece, le anomalie mensili della temperatura dell'aria superficiale dal 1979. La tendenza al surriscaldamento è chiara.

temperature in superficie
Anomalie mensili -temperature in superficie

L'altro indicatore chiave del cambiamento climatico, che spesso guardiamo a settembre, è il ghiaccio marino artico, quando normalmente è al minimo.

implementato da ECMWF
Fonte - Copernicus Climate Change Serviceimplementato da ECMWF

Qui potete vedere che questa zona intorno alla Siberia è stata particolarmente colpita. Nel complesso nell'Artico, la concentrazione di ghiaccio marino è stata del 40% inferiore alla media di settembre.

Idee dalla Romania

In Europa ci sono però, anche progetti per preservare gli ecosistemi e renderli più robusti di fronte a un pianeta che si riscalda.

La nostra corrispondente Mari Jeanne Ion è partita per i Carpazi, in Romania occidentale per saperne di più.

Qui hanno costruito un ponte viene anche utilizzato da lupi, linci, cervi e cinghiali per attraversare una nuova strada a scorrimento veloce. Cristian Remus Papp collabora a diversi progetti dell'UE come questo per preservare gli ecosistemi per affrontare meglio il cambiamento climatico: "La storia moderna in termini di sviluppo di infrastrutture sostenibili inizia qui, questo è davvero il primo ponte mai costruito in Romania per i grandi carnivori e altri animali".

Il ponte è largo, 80 metri di diametro, queste misure sono necessarie per gli orsi.

Continua Cristian Remus Papp: "Se è abbastanza grande, allora l'orso rimarrà nella zona per un po ', osserverà tutti i movimenti e e quando riterrà che sia sicuro, allora attraverserà".

La funzione dei ponti è quella di evitare la frammentazione delle aree selvagge e permettere agli animali di muoversi più liberamente, evitando l'uomo.

Costruirli è un investimento. Crea un ecosistema più resistente agli effetti del cambiamento climatico.

L'altro grande sforzo per la biodiversità in corso qui, in questa regione rumena, è quello di reintrodurre il bisonte europeo selvatico, che può creare un habitat per centinaia di altre specie.

Marina Druga sovrintende WWF al progetto: "Ci sono molti studi che dimostrano che portare un bisonte nell'ecosistema, in realtà, sta creando condizioni più adatte per altre specie come i lupi o gli orsi, la lince. E attira anche altre specie di invertebrati. Portando il bisonte, possiamo aumentare e di molto la nostra biodiversità nell'area ".

La biodiversità è gravemente minacciata dal cambiamento climatico, ma al contrario, una popolazione animale più diversificata può aiutare a limitare gli effetti del riscaldamento globale.

Maggiori informazioni qui.

Cristian Remus Papp: "Non possiamo fermare il cambiamento climatico, questo è certo, a meno che non interrompiamo le nostre attività quotidiane, ma è improbabile che ciò accada. Quello che possiamo fare è implementare la resilienza. Stiamo aiutando gli ecosistemi a essere abbastanza sani e maturi in per ridurre almeno l'impatto del cambiamento climatico, meglio è per noi ".

Potete leggere di più su biodiversità e cambiamenti climatici sul nostro sito web