ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Passa ai Comuni il disegno di legge sul dopo-Brexit

euronews_icons_loading
Passa ai Comuni il disegno di legge sul dopo-Brexit
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il controverso disegno di legge proposto dal governo britannico sulla regolamentazione del mercato interno dopo la fase transitoria prevista dalla Brexit, è stato approvato in terza lettura dalla Camera dei Comuni.

La norma, passata con 340 a favore e 256 contro, permette al Regno Unito di aggirare gli accordi stipulati con l'Unione europea, in particolare quello che prevede di mantenere aperto il confine tra l'Irlanda (membro dell'UE) e l'Irlanda del Nord (parte del regno Unito). Dublino, dal canto suo, ha accusato il governo di Londra di mettere a rischio il processo di pace avviato nel 1998 con gli accordi del Venerdi Santo, che prevedono un quadro di regolamentazione dei confini tra i due paesi.

"Danneggia la reputazione internazionale del Paese"

Nonostante le critiche sollevate a livello internazionale e le accuse di togliere credibilità al suo paese, il premier Boris Johnson non rinuncia a rivendicare il diritto all'ultima parola, e giustifica la legge come una tutela nel caso "Bruxelles facesse richieste irragionevoli".

Opposto il giudizio della minoranza laburista, che sottolinea come la legge porterebbe a danneggiare la reputazione internazionale del Regno Unito creando un precedente molto pericoloso per un sistema paese chiamato a ricostituire una nuova rete di rapporti bilaterali una volta fuori dall'Unione.

L'iter continua

Dopo il voto ai Comuni il disegno di legge passa alla Camera dei Lord, anche se non è ancora stato definito un calendario. Qui si prevede una opposizione più netta, dato che in questo ramo del parlamento i conservatori non hanno la maggioranza.

Pesante la reazione europea alla nuova legge britannica, che secondo l'UE "mina la fiducia" nei confronti di Londra. Dopo una riunione straordinaria tra il vicepresidente della Commissione Maros Sefcovic e il ministro britannico Michael Gove Bruxelles minaccia azioni giudiziarie. "L'accordo sulla Brexit costituisce la base e il quadro delle future relazioni bilaterali", ha detto un portavoce.