ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Kabul: attentato al vicepresidente afghano. Amrullah Saleh è vivo, ma ci sono morti e feriti

euronews_icons_loading
Kabul: attentato al vicepresidente afghano. Amrullah Saleh è vivo, ma ci sono morti e feriti
Diritti d'autore  Rahmat Gul/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Attentato a Kabul contro il vicepresidente afghano Amrullah Saleh. Il convoglio che mercoledÎ lo stava scortando in ufficio è stato investito da un'esplosione che ha ucciso almeno dieci persone e ne ha ferite a decine.

Il politico e suo figlio, che viaggiava con lui, sono vivi con lievi ferite. A darne notizia è stato il vicepresidente stesso attarverso i suoi canali social.

Secondo un collaboratore di Saleh, che ha parlato all'agenzia France Presse chiedendo l'anonimato, si è trattato di un attacco kamikaze.

Due volte vicepresidente ed ex capo dei servizi segreti, Saleh è già sopravvissuto ad altri attentati. L'anno scorso, durante la campagna presidenziale, era sfuggito ad un attacco kamikaze che aveva fatto 20 morti e 50 feriti.

È noto per la sua ostilità ai taleban, i quali tuttavia hanno negato ogni coinvolgimento nell'attentato. Nonostante sia previsto a breve l'avvio dei negoziati di pace in Qatar tra governo afgano e taleban, che sono stati fortemente voluti dagli Stati Uniti, non si ferma la violenza nel Paese.

Emergency: "Le vittime potrebbero aumentare"

L'attentato è avvenuto in centro, vicino a un negozio di bombole a gas. Diverse le case e i negozi distrutti. L'ospedale di Emergency, che si trova ad un chilometro dal luogo dell'esplosione, ha accolto 18 pazienti, ma di tre ha dovuto constatare la morte al loro arrivo. L'organizzazione umanitaria, che ha diffuso un comunicato, ha espresso il timore che il numero delle vittime possa aumentare nelle prossime ore perché "l'attacco è avvenuto in un'area con molti esercizi commerciali che vendono gas naturale. L'ordigno artigianale ha innescato una reazione a catena, incendiando le bombole e colpendo sia i negozi che gli appartamenti vicini all'area".

La condanna della Nato

In un post su Twitter dell'ambasciatore Stefano Pontecorvo, Alto rappresentante civile della Nato in Afghanistan, si legge: "Condanno fortemente l'attacco a kabul contro Amrullah Saleh, che ha ucciso e ferito molti civili. i nemici della pace continuano a ignorare la volontà del popolo afghano di fermare la violenza e avviare negoziati intra-afgani. La Nato sta con le forze di sicurezza nazionali afghane per un sicuro Afghanistan.