ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Francia, Covid-19: "Nessuna fatalità: il virus circola per colpa nostra"

euronews_icons_loading
Francia, Covid-19: "Nessuna fatalità: il virus circola per colpa nostra"
Diritti d'autore  Kamil Zihnioglu/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

"Non c'è nessuna fatalità, il virus non pensa, non si muove, non salta, siamo noi quelli che a volte si rilassano in termini di prevenzione". In Francia il direttore generale della Sanità, Jérôme Salomon, mette a fuoco il rapporto di causa - effetto: minore attenzione, nuovo picco di 2846 casi in 24 ore. L'uso delle mascherine ovunque, anche negli spazi aperti, è un'opzione al vaglio in diverse città.

Covid-19 in Francia, : aumenta il tasso di positività

In Francia, il tasso di positività continua ad aumentare, con il 2,4% delle persone testate risultate positive. Negli ultimi 7 giorni sono stati effettuati 609.527 test. In 24 ore sono morti 18 pazienti, portando a oltre 30mila (30.406) il numero dei decessi dall'inizio dell'epidemia. Tuttavia, il numero di pazienti in terapia intensiva continua a diminuire, con 367 ricoverati, 7 in meno rispetto alle ultime 24 ore.

"Possiamo frenare la corsa del virus"

Giovedì sera, Santé Publique France aveva già segnalato che gli indicatori continuano a deteriorarsi e che la trasmissione del virus è in aumento, soprattutto tra i giovani.

Nel tweet: "Gli indicatori sono cattivi, i segnali sono preoccupanti e la situazione sta peggiorando", ammette Jérôme Salomon, direttore generale della Sanità.

➡ "Non c'è nessuna fatalità. Il destino dell'epidemia è nelle nostre mani".

Venerdì mattina, Jérôme Salomon si è comunque detto ottimista: "Possiamo frenare l'epidemia e porre fine ai cluster ad alto rischio" ha dichiarato, citando il caso di Mayenne, un dipartimento in cui erano stati identificati diversi focolai di Covid-19. "Il popolo di Mayenne - ha spiegato Salomon - si è mobilitato, ha osservato tutte le misure di sicurezza e distanziamento e ha accettato di essere messo alla prova su vasta scala: ha funzionato!".

Da giovedì sono stati segnalati 27 nuovi cluster su tutto il territorio, per un totale di 342 ancora attivi, secondo la direzione generale della Sanità. Parigi e Marsiglia restano particolarmente a rischio e "una ventina di dipartimenti sono al di sopra di una certa soglia di vigilanza" ha detto Jérôme Salomon.

I cluster principali: grandi riunioni, eventi, assembramenti

La Capitale e le Bouches-du-Rhône sono state classificate come zone di "circolazione attiva" del virus,: una situazione che ha convinto i loro prefetti ad adottare misure supplementari per combattere l'epidemia. Sulla circolazione del virus: "I cluster principali sono quelli in cui si svolgono grandi riunioni, eventi festosi, amichevoli, familiari - ha descritto il direttore generale della Sanità - "quando inizierà il nuovo anno scolastico, il virus sarà ancora lì e dovremo conviverci, ma applicando il patto di prevenzione e le misure di barriera".

L'obbligo della mascherina sempre più ampio

Oltre a queste misure (distanza fisica, lavaggio delle mani, ecc.) è anche "urgente rendere obbligatorio l'uso della mascherina in tutti gli spazi chiusi, in tutti gli uffici, in tutte le aule e nelle aule, e anche incoraggiare senza ambiguità il telelavoro, l'apprendimento a distanza e la riorganizzazione delle classi con meno persone": è la posizione di un gruppo di medici francesi, che ha chiesto una maggiore"sensibilizzazione" prima dell'inizio dell'anno scolastico. L'obbligo della mascherina in tutti i luoghi collettivi chiusi "è una questione di coerenza", hanno giudicato i circa venti professionisti della salute in un testo pubblicato online da Libération, mentre è già obbligatoria - dal 20 luglio scorso - nei luoghi pubblici chiusi (negozi, servizi pubblici, ecc.).

Di fronte all'aumento dei casi di contaminazione, sempre più grandi città e città turistiche impongono l'uso di mascherine per strada, in particolare nei mercati o in alcune arterie trafficate. Venerdì, un'ordinanza della Prefettura della Charente-Maritime lo impone quindi all'Ile de Ré e in alcuni spazi pubblici di Saintes e Saint-Georges d'Oléron, dopo una decisione analoga per Fouras, Saint-Denis d'Oléron e Châteaux d'Oléron. Coprire la bocca e il naso è obbligatorio anche nei mercati all'aperto e nei mercati di strada del Var e lo diventerà il lunedì in una parte delle strade di Tolone.