Il piatto stellato finalizzato nella cucina di casa, la nuova frontiera anti-Covid del take-away

La cucina del ristorante Sabor di Londra
La cucina del ristorante Sabor di Londra Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per far fronte al calo di clienti durante la pandemia, nel Rgno Unito alcuni ristoranti rinomati consegnano a domicilio un food kit che permette alle persone di finalizzare piatti stellati nella loro cucina di casa. L'iniziativa sta avendo grande successo

PUBBLICITÀ

Fare di necessità virtù. Con le misure restrittive anti Covid-19 e i locali che non possono più accogliere nei loro spazi le persone come prima , alcuni rinomati ristoranti nel Regno Unito hanno deciso di andare oltre il tradizionale take-away. Quello che consegnano a domicilio sono dei food kit, che contengono gli ingredienti - già lavorati - dei loro piatti d'eccellenza, che dovranno essere finalizzati dal cliente nella cucina di casa.

Nieves Barragan, cuoca stellata del ristorante spagnolo Sabor a Londra, racconta: "Ho impiegato più tempo a mettere in piedi questo che ad aprire un ristorante. Era qualcosa di nuovo per noi. Bisognava pensare ad ogni dettaglio, ai possibili errori a casa e a quello di cui c'era bisogno".

E così il Sabor è diventato anche Sabor en casa. I pezzi di carne già tagliati, le crocchette di pesce solo da passare in padella per pochi minuti. La chef spiega che ha cercato di rendere il kit più semplice possibile. È stato un successo, i clienti adorano riprodurre i piatti stellati, tanto che Barragan sta pensando di continuare con questo business anche dopo la fine della crisi sanitaria.

Smokestak, noto per la sua carne affumicata, è un altro ristorante che ha seguito questo trend. Lo chef David Carter ammette che all'inizio non è stato facile consegnare in buone condizioni un prodotto così delicato, che richiede ore di lavorazione.

"All'inizio è stata dura, ma forse era anche colpa nostra con l'imballaggio. Ovviamente abbiamo cambiato le cose, ora pensiamo di aver capito cosa fare. Ma era piuttosto demoralizzante sapere come la carne usciva da qui e cosa diventava lì. Beh, non era quello che avevamo mandato".

Come Sabor, anche questo ristorante sta pensando di continuare con l'esperimento dopo la fine delle misure restrittive, perché è diventato una buona fonte di guardagno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Romania: a Nicolești il consueto appuntamento con il festival della salsiccia

Corea del Sud, carne di cane vietata dal 2027: no alla vendita, sì al consumo

Germania, nel 2024 l'iva sulla ristorazione tornerà dal 7 al 19 per cento