ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: l'Europa non abbassa la guardia, preoccupano i Balcani

euronews_icons_loading
Parigi, 14 luglio 2020
Parigi, 14 luglio 2020   -   Diritti d'autore  Rafael Yaghobzadeh/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

L'immagine del premier Boris Johnson con il viso coperto dalla mascherina ha anticipato la decisione: il Regno Unito si unisce a decine di altri paesi e le rende obbligatorie, a partire dal 24 luglio, nei negozi e nei supermercati. Per i trasgressori multa di 100 sterline.

Il ministro alla Sanità, Matt Hancock, dice che darà fiducia alle persone e proteggerà coloro che lavorano negli esercizi commerciali: "Purtroppo, gli assistenti alle vendite, i cassieri e le guardie di sicurezza hanno sofferto in modo sproporzionato in questa crisi - ha detto il Segretario di Stato britannico - Il tasso di mortalità in queste categorie di lavoratori è superiore del 75 per cento tra gli uomini e del 60 per cento tra le donne rispetto alla media generale".

La Francia, che il 14 luglio ha festeggiato la presa della Bastiglia, fa un giro di vite sull'obbligo di indossare la mascherina in tutti gli spazi pubblici chiusi a partire dal primo agosto.

La cerimonia, quest'anno, è dedicata agli operatori sanitari. Hanno ottenuto un aumento di stipendio all'inizio di questa settimana, anche se alcuni sindacati sostengono che non sia sufficiente.

L'Austria cerca di impedire il contagio di ritorno vietando i voli da nove stati del sud-est europeo (SEE) a causa della diffusione della pandemia di Covid-19

Il divieto riguarda i voli da Albania, Bulgaria, Montenegro, Romania e Serbia, ed entra in vigore questo 15 luglio.

Con l'aumento delle infezioni da Covid -19 in tutti i Balcani, il Kosovo, come i suoi vicini, sta inasprendo le misure arrivando anche a sospendere i campi scuola.