EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Malta dice "andate a Lampedusa", ma poi cede: la nave "Talia" sbarca 50 migranti

Malta dice "andate a Lampedusa", ma poi cede: la nave "Talia" sbarca 50 migranti
Diritti d'autore 
Di Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Da Malta è arrivata l'autorizzazione allo sbarco per i migranti a bordo del cargo "Talia", che le autorità della Valletta da giorni non volevano far sbarcare. Il mercantile aveva soccorso, il 3 luglio, 52 persone alla deriva senza cibo né acqua.

PUBBLICITÀ

Alla fine Malta cede, dopo aver provato ad indirizzare i migranti a Lampedusa.
Ma dopo il "no" italiano, il governo maltese ha ceduto.

Da Malta è, infine, arrivata la scorsa notte l'autorizzazione allo sbarco per i migranti a bordo della nave merci "Talia", battente bandiera libanese, che proprio le autorità della Valletta, da giorni, non volevano far sbarcare.

La gioia dei migranti al momento dello sbarco.

Un'odissea, anche diplomatica

Nel suo viaggio dal porto di Al Khums (Libia) a Cartagena (Spagna), il mercantile aveva soccorso, il 3 luglio, 52 persone (40 uomini e 12 donne) alla deriva al largo della zona SAR (Search and Rescue) maltese, senza cibo né acqua.

Come racconta il comandante nei messaggi che ci ha inviato su Whatsapp, raccolti i disperati del mare, su consiglio di Malta la nave aveva puntato Lampedusa, ma la Guardia Costiera italiana le ha negato l'autorizzazione per l'ingresso nelle acque territoriali italiane.
A quel punto, la "Talia" si è diretta verso Malta: solo dopo un'odissea diplomatica durata diversi giorni, l'imbarcazione ha ottenuto la scorsa notte il permesso per lo sbarco sull'isola.

La situazione sanitaria stava degenerando

Prima dell'accordo, la situazione sanitaria a bordo era già complicata, ormai senza più cibo e acqua, ma soltanto due migranti erano stati autorizzati da Malta a scendere perché ritenuti in concreto pericolo di vita.
Altre dieci persone che erano a bordo del "Talia", ora, hanno dovuto ricorrere alle cure mediche presso l'ospedale di La Valletta.

Una parte dei 50 migranti a bordo di "Talia" in attesa dello sbarco a Malta.

"Dio ci ha aiutato"

Ieri il capitano siriano della nave, Mohammad Shaaban, 43 anni - al comando di un equipaggio di 23 persone -. aveva inviato un video-appello - pubblicato sul profilo Twitter della ONG spagnola "Open Arms" - a tutta l'Europa, affinchè fosse consentito al cargo di attraccare in un porto sicuro e sbarcare gli stremati migranti.

Alla fine, il buon senso ha prevalso.

"Dio ci ha aiutato", ha commentato il capitano, con un audio-messaggio su Whatsapp.

Il capitano Mohammad Shaaban.

Le foto della speranza

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il sindaco di Lampedusa: "Gli sbarchi stanno aumentando". Arrivano militari e nave-quarantena

A Castel Volturno migranti sotto la soglia di povertà

Da Malta "Dichiarazione unificante", il vertice per discutere la Formula di Pace di Zelensky