ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Francia: Macron manda tutti a scuola per due settimane

euronews_icons_loading
Francia: Macron manda tutti a scuola per due settimane
Diritti d'autore  Emilio Morenatti/AP2020
Dimensioni di testo Aa Aa

A due settimane dall'inizio delle vacanze estive, la Francia alleggerisce le misure restrittive messe in atto durante la pandemia di coronavirus e ripristina l'obbligo di frequenza delle scuole, ad eccezione dei licei. Nessun distanziamento sociale alle materne. Alle elementari il metro di separazione tra gli alunni è semplicemente raccomandato. Alle medie, quando non si possono mantenere le distanze, i ragazzi devono portare la mascherina.

Il saluto su Twitter alle scuole del ministro dell'istruzione francese Jean-Michel Blanquer

Il Governo ha invitato le famiglie ad avere fiducia. Una progressiva riapertura degli istituti era partita a metà maggio, ma in pochi erano tornati sui banchi.

Il fumetto della famosa disegnatrice francese Emma sulla ripresa della scuola

Tornano operativi anche i cinema, nella speranza di avere un po' d'ossigeno dopo la chiusura forzata. Ogni spettatore avrà un posto libero su entrambi i lati, ma se entrerà insieme ad altre persone potrà sedersi accanto a loro.

Spagna: fine dello stato d'emergenza

La Spagna, uno dei Paesi più colpiti al mondo dal Covid-19, con oltre 246270 contagi e 28300 morti, ha messo fine allo stato d'emergenza decretato il 14 marzo e ha riaperto i confini a chi arriva dall'Unione europea e dal Regno Unito, senza più richiedere la quarantena.

Dopo tre mesi vengono di nuovo ammesse le visite nelle residenze per anziani.

New York in fase II

Entra nella fase II New York, con la riapertura di negozi, e di caffè e ristoranti con servizio al tavolo solo all'aperto. Lo Stato ha toccato quasi i 400mila contagi, e oltre 31mila morti.

Il governatore Andrew Como ha detto che sabato le vittime sono state 15, il numero più basso dagli inizi di marzo, ma "il Covid-19 c'è ancora. Dobbiamo stare attenti a una seconda ondata. Ora dobbiamo guardarci dalle possibili infezioni in provenienza da altri Stati. Numerose persone hanno bisogno di aiuto per ritornare alla loro vita normale. Ma è chiaro che negli ultimi tre mesi abbiamo fatto l'impossibile".

Il sindaco di New York Bill de Blasio ha detto di aspettarsi il ritorno al lavoro di almeno 300mila persone nella nuova fase.