ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: come vincere lo scetticismo no vax quando ci sarà un vaccino

Un tecnico di laboratorio al lavoro su un vaccino in un laboratorio in Thailandia
Un tecnico di laboratorio al lavoro su un vaccino in un laboratorio in Thailandia   -   Diritti d'autore  Sakchai Lalit/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre gli scienziati continuano le loro ricerche per sviluppare un vaccino contro il Covid-19, si teme che un piccolo ma attivo movimento no-vax possa minare i loro sforzi.

Un team della George Washington University (GWU) negli Stati Uniti sta studiando le tattiche degli attivisti e sostiene che i loro messaggi potrebbero ostacolare gli sforzi per costruire l'immunità del gregge al coronavirus attraverso la vaccinazione.

Le preoccupazioni sulla sicurezza dei vaccini hanno causato negli ultimi anni un calo dei tassi di immunizzazione nei paesi occidentali.

Neil Johnson, professore di fisica alla GWU, avverte che la voce dei no-vax potrebbe guadagnare ancora più forza quando dovesse essere disponibile un vaccino per il Covid.

"Qualunque vaccino per il Covid sarà nuovo. Quindi non si potrà dire 'beh è un vaccino in giro da anni, non preoccuparti' - ha detto Johnson a Euronews - ci sono molti anni di esperienza a dimostrare che i vaccini esistenti contro il morbillo sono sicuri. Ma non abbiamo questo - almeno non abbiamo decenni di ricerca alle spalle - per quanto riguarda i vaccini anti-Covid".

Un vaccino è tipicamente più efficace nelle persone più giovani, che di solito sono anche quelle vaccinate su larga scala, in modo da creare l'immunità del gregge e proteggere coloro che sono più vulnerabili alle infezioni: i neonati, gli anziani e coloro che hanno un sistema immunitario più debole.

Ma i bambini e gli adolescenti sono apparsi finora meno suscettibili ai casi gravi di Covid-19, e alcuni genitori metteranno inevitabilmente in dubbio il rapporto tra benefici e rischi di sottoporre i propri figli a un nuovo vaccino, soprattutto se il suo sviluppo è stato accelerato durante una pandemia.

I sondaggi mostrano che le persone sono generalmente disposte a fare un vaccino "dopo che altri lo hanno provato", ha spiegato Johnson. "C'è una grande diffidenza".

Il fatto che le informazioni sul Covid siano ancora relativamente poche si sta rivelando una manna per i no-vax desiderosi di evidenziare le incognite e le contraddizioni.

"Le loro argomentazioni, purtroppo, si riducono a un concetto semplice: se la scienza non riesce a capire se si debba indossare una mascherina o meno, come possono pensare a qualcosa di così complesso come un vaccino per provare a prevenire il Covid?".

Lo scetticismo sui vaccini: una questione di fiducia

Gli attivisti no-vax puntano il dito contro le aziende farmaceutiche che sviluppano i vaccini e che potrebbero trarre beneficio dalla pandemia.

Un certo numero di paesi e aziende si sono già impegnati a rendere accessibile a tutti qualsiasi vaccino, ma Medici Senza Frontiere (Medici Senza Frontiere, o MSF) chiede un impegno più specifico per la vendita di qualsiasi potenziale futuro vaccino a prezzo di costo.

I ricercatori dicono che il modo in cui i leader gestiranno la pandemia potrebbe influire ulteriormente sul livello di fiducia della gente su un eventuale vaccino.

La professoressa Heidi Larson, direttrice del Vaccine Confidence Project, presso la London School of Hygiene & Tropical Medicine, studia da anni i motivi dello scetticismo sui vaccini.

"Di solito ci sono dietro problemi con governo e autorità, non necessariamente legati ai vaccini, che hanno causato una rottura del rapporto di fiducia", spiega Larson.

"Se c'è stato un altro problema sanitario che non è stato gestito bene o con trasparenza, o il pubblico pensa di non essere stato pienamente informato, questo influisce sulla sua fiducia nei vaccini, che sono correlati al governo. È quest'ultimo che li regola e li richede, spesso richiesti dal governo. Quindi la mancanza di fiducia nel governo è un problema".

Larson ha un consiglio per i governi che si troveranno a gestire un eventuale vaccino: iniziare a ricostruire la fiducia ora, informare il pubblico sul processo che sta dietro allo sviluppo dei vaccini e ai test per garantirne la sicurezza e l'efficacia nel modo più chiaro e onesto possibile. "Così la gente saprà cosa aspettarsi - conclude Larson - è un argomento su cui le sorprese non sono certamente gradite".