Covid-19, Sanofi non darà il vaccino prima agli Usa: "Ma l'Ue deve muoversi"

Covid-19, Sanofi non darà il vaccino prima agli Usa: "Ma l'Ue deve muoversi"
Diritti d'autore AP/Ted S. Warren
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Ieri l'ad del colosso francese Paul Hudson ha detto che Washington ha la priorità in virtù dei suoi finanziamenti alla ricerca. Oggi il presidente Olivier Bogillot ha corretto il tiro: "Nessuna priorità, ma Bruxelles deve dimostrarsi altrettanto efficace nel sostenere la ricerca"

PUBBLICITÀ

Sembra essere rientrata, almeno per il momento, la polemica tra il colosso farmaceutico Sanofi e il governo francese.

Ieri in un'intervista a Bloomberg l'amministratore delegato dell'azienda Paul Hudson ha dichiarato che gli Stati Uniti avranno la priorità quando sarà scoperto un vaccino contro il Covid-19. Questo perché il governo americano è stato il primo a finanziare la ricerca di Sanofi e "assumendosi il rischio si è garantito questo diritto".

Oggi la multinazionale francese ha corretto in parte il tiro. Ai microfoni di BFM-TV il presidente di Sanofi France, Olivier Bogillot, ha sottolineato che un eventuale vaccino non sarà distribuito prioritariamente agli Usa, ma una condizione: che l'Unione europea si dimostri "altrettanto efficace" nel sostenere la ricerca di un vaccino.

L'annuncio di Hudson era stato definito inaccettabile dalla sottosegretaria all'Economia francese, Agnès Pannier-Runacher. Oggi, nonostante la precisazione di Bogillot, il primo ministro francese Edouard Philippe ha rincarato la dose, sottolineando che "la parità di accesso al vaccino per tutti non è negoziabile".

"L'ho appena ricordato a Serge Weinberg che presiede Sanofi, questa grande azienda profondamente francese - ha aggiunto Philippe - mi ha dato tutte le assicurazioni necessarie per la distribuzione in Francia di un possibile vaccino Sanofi".

Bogillot ha aggiunto che Sanofi è attualmente in trattative con l'Ue e con singoli Stati membri, tra cui Francia e Germania, "per accelerare le cose".

"Lo sviluppo di un vaccino di solito richiede 10 anni - ha detto - ma in questo caso l'obiettivo è riuscirci in 18-24 mesi. Questo ci impone di andare molto veloci su due fronti: servono i finanziamenti necessari a produrre milioni di dosi  molto rapidamente e un supporto normativo adeguato".

Sanofi è uno dei principali produttori mondiali di vaccini e fornisce ogni anno un miliardo di dosi per combattere varie malattie infettive.

Il mese scorso ha unito le forze con la rivale GlaxoSmithKline (GSK) per accelerare lo sviluppo e la produzione di un vaccino per il Covid-19.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) oltre 120 vaccini sono stati proposti in tutto il mondo. Sei sono attualmente nella fase di valutazione clinica e una settantina in quella di valutazione preclinica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid: le due ricerche che daranno un vaccino entro l'estate

Europee, i conservatori francesi fanno campagna elettorale sull'immigrazione al confine italiano

Francia e Regno Unito festeggiano 120 anni di cooperazione: simbolici cambi della guardia congiunti