ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: il sindaco di San Paolo in prima linea, dorme in Comune per essere sempre disponibile

euronews_icons_loading
Bruno Covas nell'ultima campagna per le amministrative
Bruno Covas nell'ultima campagna per le amministrative   -   Diritti d'autore  Nelson Antoine/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Il nuovo coronavirus continua la sua inesorabile avanzata in America Latina, diventata ormai il nuovo epicentro della pandemia, in particolare in Brasile, dopo gli Stati Uniti, il Paese con il maggior numero di casi al mondo.

Per la terza volta in quattro giorni, il ministero della Salute ha annunciato oltre 1.000 morti nelle ultime 24 ore.

Il Brasile ha registrato un totale di oltre 21.000 morti, il che lo colloca in sesta posizione in tutto il mondo per decessi da covid.

Con un totale di 330.890 contagi, 20.803 solo nelle ultime 24 ore, ha superato la Russia (326.488 casi) ed è il secondo al mondo per numero di casi.

San Paolo ha un primo cittadino coi fiocchi

Il sindaco di San Paolo, Bruno Covas è in prima linea Ma per davvero. Dall'inizio dell'emergenza si è trasferito in Comune, "per essere reperibile 24 ore su 24", dice lui.

Quaranta anni, è sceso in politica che aveva poco più che vent'anni, figlio di Mario Covas, politico di razza a livello nazionale, oggi combatte la pandemia e un cancro all'intestino. "Ho iniziato la chemio il 26 febbraio, giorno in cui in Brasile si è registrato il primo caso di covid".

Ad ogni conferenza stampa, il messaggio "#Fique em casa" (rimanete a casa) è ripetuto dal sindaco che ammette una certa frustrazione per la riluttanza di molti residenti a sottostare alle misure di confinamento. Che come in Europa sono state indirizzate essenzialmente a bloccare attività considerate non essenziali.

La percentuale di chi resta confinato, stando ai segnali registrati dai cellulari, si aggira intorno al 50%, l'obiettivo era di superare il 70%.

Bruno Covas apprezza, tuttavia, "che quasi 6 milioni" dei suoi concittadini accettino di rimanere a casa.

"Siamo già confinati da quasi due mesi, ogni giorno in più è un sacrificio che chiediamo alla popolazione", ha dichiarato Covas i cui sforzi devono fare i conti con le ripetute richieste di de-confinamento del presidente di destra Jair Bolsonaro.

Anche se San Paolo resta un dei principali focolai di covid in Brasile, Covas ritiene che la megalopoli "stia fronteggiando la crisi meglio di altre città".

Secondo gli ultimi dati ufficiali, l'88% dei letti in terapia intensiva sono occupati a San Paolo mentre altre grandi città, come Manaus (nel nord), hanno già superato il 90% da diverse settimane.

Gli Usa bloccano i viaggi da e per il Brasile

Il Sud America è "un nuovo epicentro" della pandemia da coronavirus, ha affermato venerdì l'Organizzazione mondiale della sanità. "Stiamo assistendo ad un aumento del numero di casi in molti paesi sudamericani (...) ma chiaramente il più colpito in questa fase è il Brasile", ha affermato Michael Ryan, responsabile per l'emergenza dell'Oms.

Gli Stati Uniti decreteranno a breve il divieto per andare in Brasile. Ad annunciarlo domenica il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Robert O'Brien . "Penso che prenderemo questa decisione sul Brasile, come già abbiamo fatto con il Regno Unito, l'Europa e la Cina, e speriamo si tratti di un blocco temporaneo".