ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Qatar: fino a tre anni di carcere per chi non indossa la mascherina nei luoghi pubblici

euronews_icons_loading
Qatar: fino a tre anni di carcere per chi non indossa la mascherina nei luoghi pubblici
Diritti d'autore  KARIM JAAFAR/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Fino a tre anni di carcere e multe che possono arrivare a 55mila dollari. E' la pena che rischia chi, da domenica, in Qatar non indosserà le mascherine nei luoghi pubblici.

Con più di 30mila positivi su una popolazione di circa 2 milioni e settecentomila persone, vale a dire più dell'uno per cento, l'emirato è tra i paesi con la più alta percentuale di contagi al mondo, anche se finora, stando ai dati ufficiali, a causa del virus sono morte solo 15 persone.

Stando al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie solo il Vaticano e San Marino hanno una percentuale di infezioni pro capite più elevata del Qatar.

Al volante la mascherina non sarà obbligatoria, l'unica esenzione concessa dalla nuova legge. Le autorità del Qatar hanno detto che i raduni durante il mese del Ramadan potrebbero aver contribuito all'aumento dei contagi.

I lavori per il Mondiale del 2022 non si fermano

Mentre moschee, scuole, centri commerciali e ristoranti restano chiusi, i lavori per gli stadi che ospiteranno i Mondiali di calcio del 2022 vanno avanti. Capisquadra e ispettori governativi stanno cercando di far rispettare le regole sul distanziamento sociale.

Il governo ha fatto sapere che i lavoratori di tre stadi sono risultati positivi al virus. Le mascherine sono obbligatorie per i lavoratori edili dal 26 aprile.

A metà marzo decine di migliaia di lavoratori migranti sono stati messi in quarantena nella zona industriale di Doha dopo che sono stati accertati alcuni casi. Ciononostante le autorità hanno deciso comunque di allentare le restrizioni.