Il Qatar collabora alle indagini sul missile trovato in Italia

Il Qatar collabora alle indagini sul missile trovato in Italia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Traffico di armi, ma nessun complotto politico, questo ha scoperto la Digos di Torino

PUBBLICITÀ

Il Qatar collabora alle indagini della Digos di Torino sul missile trovato nel pavese in mano a persone dell'estrema destra italiana. In particolare il missile, privo di carica esplosiva ma riarmabile, è stato venduto dal Qatar a un paese amico 25 anni fa, dice la portavoce del ministero degli Esteri, Lolwah Alkhater, in una dichiarazione alla Reuters, senza precisare quale sia il Paese che lo ha acquistato.

La segnalazione che ha portato alla scoperta di un arsenale da guerra proviene da un ex agente del Kgb che aveva denunciato l’esistenza di un «complotto», tra le fila dei combattenti filo-ucraini del Donbass, ideato per «danneggiare Salvini».

 Del legame tra le armi e un eventuale attentato al vicepremier italiano non è stata trovata traccia, ma la Digos ha scoperto un «ambiente criminale» che ruota intorno al traffico in nero di armi da guerra. 

Sono scattate così le manette nei confronti di 3 «collezionisti» italiani che, oltre a detenere fucili, mitragliatrici e munizioni, conservavano in un hangar a Rivanazzano il missile lungo oltre 3 metri.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Anche un missile aria-aria sequestrato a un gruppo di neonazisti

Ucraina: "Grande offensiva russa dal mese prossimo", Zelensky chiede aiuti per la difesa aerea

Il regno degli sport da racchetta in Qatar, dal tennis al padel